MATCH POINT di Woody Allen (2005)

locandina-match-pointVenerdì 31/01/14, ore 24.00, Rete 4

Chris Wilton (Jonathan Rhys-Meyers), giovane e belloccio insegnante di tennis desideroso di migliorare la sua condizione sociale, si fidanza con la ricca Chloe (Emily Mortimer), sposandola poco dopo per interesse ed entrando nell’azienda di famiglia; i suoi piani sono però sconvolti dall’incontro con Nola (Scarlett Johansson), aspirante attrice ed ex fiamma del cognato Tom (Matthew Goode). La situazione si complicherà fino a sfociare in tragedia.

Leggi tutto

LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO di Pupi Avati (1976)

casa-dalle-finestre-che-ridonoGiovedì 30/01/14, ore 3.55, Italia 1

 

Quarto lungometraggio del bolognese Pupi Avati, che l’ha realizzato l’anno dopo aver collaborato (non accreditato) alla sceneggiatura di Salò o le 120 giornate di Sodoma, capolavoro definitivo di Pier Paolo Pasolini, La casa dalle finestre che ridono, con il passare degli anni, ha assunto (meritatamente) lo status di film cult.

Leggi tutto

LA GENTE CHE STA BENE di Francesco Patierno (2014)

Ispirandosi al romanzo omonimo di Federico Baccomo, con La gente che sta bene Francesco Patierno continua a raccontare l’Italia contemporanea con sguardo ironico e con una buona dose di ambizione, ponendosi come obiettivo quello di raccontare una crisi non solo economica ma anche sociale e individuale, profonda e radicata nella quotidianità.

Umberto Dorloni (Claudio Bisio) è uno degli avvocati di punta di un importante studio milanese, è benestante e vive in una splendida casa con la moglie Carla (Margherita Buy) e i figli Giacomino e Martina. Il mondo perfetto che Dorloni si è costruito rischia però di sfaldarsi quando il suo studio decide di ridurre drasticamente il personale e anche il nome di Umberto compare nella black list dei futuri licenziati.

Determinato a conservare a tutti i costi il posto di prestigio conquistato tra “la gente che sta bene”, Umberto fa amicizia con il potente Patrizio Azzesi (Diego Abatantuono), spregiudicato avvocato di fama internazionale, che gli propone un accordo di collaborazione assai vantaggioso, almeno sulla carta. Ma la realtà dei fatti si presenterà più contorta e a complicare ulteriormente il tutto ci penserà la moglie di Azzesi, la splendida Morgana (Jennipher Rodriguez), donna sola e problematica che instaura con Umberto un’imprevedibile amicizia.

L’ambizione sfrenata di Dorloni lo porta a compiere scelte azzardate, a fidarsi delle persone sbagliate e a scoprire lati oscuri della sua natura per lui stesso sorprendenti. Dorloni è, infatti, fondamentalmente un meschino, tanto smanioso del successo facile quanto terrorizzato dalla prospettiva di perdere tutto e ricominciare da capo, ma al contempo consapevole della sua sostanziale mediocrità compensata, in parte, dalla faccia tosta e da una spregiudicatezza con potenziale inespresso.

Leggi tutto

I SEGRETI DI OSAGE COUNTY di John Wells (2013)

OsageIn seguito a una crisi familiare le sorelle Barbara, Caren e Ivy Weston sono costrette a ritornare nella loro vecchia casa in Oklahoma e dovranno fare i conti con la madre Violet, la donna che le ha cresciute.

Basato sulla piece teatrale vincitore del premio pulitzer August: Osage County di Tracy Letts, I segreti di Osage County è il secondo film diretto da John Wells, sceneggiatore di serie di successo come E.R. e West Wing e già regista del film The Company Men.

Leggi tutto

THE PRESTIGE di Christopher Nolan (2006)

locandina-the-prestigeMercoledì 29/01/14, ore 21.00, IRIS

“Non dirlo mai a nessuno. Ti pregheranno di svelare il segreto ma appena glielo dirai non conterai più niente. Sono stato chiaro? Niente. Il segreto non fa colpo su nessuno. Il trucco che c’è dietro invece è ciò che conta.”

Leggi tutto

DALLAS BUYERS CLUB di Jean-Marc Vallée (2013)

Dallas1985. L’HIV si sta diffondendo per il territorio americano a una velocità impressionante senza che la comunità scientifica si dimostri in grado di trovare le giuste contromisure. Ron Woodroof, torero texano cocainome, alcolizzato e omofobo, scopre di esserne affetto ed inizia la sua personale battaglia contro il letale virus dell’AIDS, procurandosi fuori dagli Stati Uniti dei farmaci non approvati dalle autorità competenti del suo paese e rivendendoli a coloro che condividono la sua stessa sorte.

Dallas Buyers Club di Jean-Marc Vallée, tratto da una storia realmente accaduta, è una tipologia di film biografico cui un po’ tutti, anche se non ce ne accorgiamo troppo, siamo decisamente abituati. Di quei prodotti che adempiono con millimetrica aderenza a tutti i requisiti necessari per farsi piombare addosso una pioggia di Oscar: il protagonista realmente esistito, i tic fedelmente riproposti (in questo caso quasi tutti deplorevoli), una regia d’ordinanza ma smaliziata e capace e un attore in grado di elevare a potenza l’equazione infallibile del cosiddetto metodo: ecco che allora, intorno a un Matthew McConaughey gigantesco e quasi irriconoscibile, si articola un film di solido mestiere, che riesce a intrattenere e indignare ma senza mai superare le rigide barriere del biopic classico.

Leggi tutto

HANNAH ARENDT di Margarethe von Trotta (2012)

Locandina Hannah ArendtNota come la regista più femminista del Nuovo Cinema Tedesco, Margarethe Von Trotta ha sempre messo al centro della propria filmografia figure femminili forti, che grazie a perseveranza e caparbietà intellettuale si oppongono al mondo che le circonda, riuscendo spesso a cambiarlo. Questo era il caso di Rosa L (1986)., dedicato alla famosa rivoluzionaria uccisa nel ’19, o del più recente Rosenstrasse (2003), dove un gruppo di mogli ariane salva i propri mariti ebrei durante l’Olocausto; e questo è il caso anche di Hannah Arendt, il suo ultimo film, dedicato alla figura della grande storica e filosofa tedesca.

Leggi tutto

SCHINDLER’S LIST di Steven Spielberg (1993)

schindlers listLunedì 27/01/14, ore 21.00, IRIS

 

Steven Spielberg, figlio di genitori ebrei, se in alcune pellicole ha deliberatamente virato verso un pathos narrativo troppo accomodante, nel suo capolavoro assoluto Schindler’s List ha messo in risalto l’alta statura morale del protagonista in un contesto storico rigoroso e toccante, senza cedere alla facile retorica.

Leggi tutto

Berlinale 64: apre Wes Anderson ma gli occhi sono tutti per Lars

Berlinale-64-posterSi parte in grande stile a Berlino 64. Il festival tedesco, spesso accusato di offrire meno spunti glamour nel programma rispetto alle altre due importanti kermesse europee – Venezia e Cannes – decide di inaugurare la sessantaquattresima edizione con l’ultima opera di Wes Anderson, The Grand Budapest Hotel,in concorso.

Ambientato, come suggerisce il titolo, in un albergo, il film vede intrecciarsi le vicende del portiere Gustave H. (Ralph Fiennes) accusato di omicidio e della solita sarabanda di weirdos andersoniani: oltre ai collaboratori di lungo corso come Bill Murray, Jason Schwartzman e Owen Wilson, si uniscono al cast anche la giovane Saoirse Ronan, Edward Norton, Mathieu Amalric e una serie di altre glorie, vecchie e nuove, del grande schermo.

Tra i nomi conosciuti, il concorso offre anche spazio al leone francese Alain Resnais con Life of Riley e all’americano Richard Linklater (School of Rock, A Scanner Darkly) con Boyhood, già presentato al Sundance Film Festival, storia di un divorzio e degli effetti sul figlio della coppia. Per il resto, tanta Cina, Germania e qualche co-produzione per una kermesse che, come da tradizione, si concentra su produzioni fuori dal mainstream dei soliti noti.

Leggi tutto

LAST VEGAS di Jon Turteltaub (2013)

Locandina Last VegasCurioso pensare come il film che ha aperto la scorsa edizione del Torino Film Festival abbia in comune con il suo predecessore (ovvero Quartet, pellicola di Dustin Hoffman che aprì la medesima manifestazione ma l’anno scorso) non solo il genere divertente e rilassato della commedia, ma anche l’età presa in analisi e il numero dei suoi protagonisti. Là venivano raccontate le disavventure di quattro anziani musicisti costretti in una casa di riposo, qua le peripezie di altri quattro anziani amici che si ritrovano dopo diversi anni per festeggiare un addio al celibato a Las Vegas.

Leggi tutto

THE WOLF OF WALL STREET di Martin Scorsese (2013)

Locandina The Wolf of Wall StreetTanto atteso in Italia dopo diverse date poi rimandate, ecco che il genio di Martin Scorsese, a due anni di distanza dal capolavoro Hugo Cabret, torna nelle sale raccontando la sua New York, attraverso gli occhi di Jordan Belfort (Leonardo DiCaprio), un ragazzo che sognava di fare il broker a Wall Street e che invece è stato cacciato dalla borsa – non prima di un esilarante training privato a pranzo con uno strepitoso Matthew McConaughey – e che dunque decide di aprire una società propria, la Stratton Oakmond, assieme al suo socio Donnie Azoff (Jonah Hill, grandioso), con cui, truffando i ricchi newyorkesi, riuscirà a fare soldi a palate, comprandosi una villa enorme, uno yacht, una moglie modella e finendo, ovviamente, controllato da SEC ed FBI.

 

Leggi tutto

A PROPOSITO DI SCHMIDT di Alexander Payne (2002)

a proposito di schmidtGiovedì 23/01/14, ore 21.05, RAITRE

 

Diretto da Alexander Payne (regista di Sideways e Paradiso Amaro), tratto da un romanzo di Louis Begley, A proposito di Schmidt racconta la storia di un uomo che, rimasto vedovo, intraprende un viaggio per assistere al matrimonio della figlia.

Leggi tutto

THE UNKNOWN KNOWN di Errol Morris (2013)

Loc UnknownThe Unknown Known è la variazione di una famosa frase detta da Donald Rumsfeld di fronte alla stampa americana, quando, per giustificare l’invasione dell’ Iraq nonostante l’assenza di prove dell’esistenza di armi di distruzione di massa, sostenne che “There are known knowns: things we know that we know. There are known unknowns: things that we now know we don’t know. But there are also unknown unknowns: things we do not know we don’t know”. Il Segretario della Difesa del governo Bush sosteneva, in pratica, che esistono degli eventi di cui non si può sapere l’esistenza e che quindi, di conseguenza, la costruzione di armi di distruzione di massa da parte di Saddam, anche se non provata, era in fondo possibile. Attraverso questo stratagemma verbale, così, Rumsfeld riusciva a giustificare logicamente l’invasione dell’Iraq e a cogliere in contropiede i giornalisti che lo incalzavano.

Leggi tutto

THE PRESTIGE di Christopher Nolan (2006)

locandina-the-prestigeLunedì 20/01/14, ore 23.40, CANALE 5

 

“Non dirlo mai a nessuno. Ti pregheranno di svelare il segreto ma appena glielo dirai non conterai più niente. Sono stato chiaro? Niente. Il segreto non fa colpo su nessuno. Il trucco che c’è dietro invece è ciò che conta.”

Leggi tutto

GLI SPIETATI di Clint Eastwood (1992)

gli-spietatiLunedì 20/01/14, ore 21.05, IRIS

«È una cosa grossa uccidere un uomo: gli levi tutto quello che ha, e tutto quello che sperava di avere». Diciassettesima regia di Clint Eastwood, Gli spietati apre un nuovo corso nella carriera del grande autore americano che, a partire dagli anni ’90, si è imposto come uno dei più grandi cineasti contemporanei.

Leggi tutto

NEBRASKA di Alexander Payne (2013)

Nebraska, cast e trama film - Super Guida TV

Alexander Payne ha una dote molto rara per il cinema contemporaneo: riesce a trasformare la materia più quotidiana e sentimentale, ad altissimo rischio retorico, in un racconto sottile, raffinato ma sempre intelligente.

Al sesto lungometraggio, il primo che non lo vede coinvolto nella stesura dello script, il regista di Omaha riflette ancora sulla famiglia e sul dolceamaro, spinosissimo, rapporto padre-figlio situato nella fase terza età. La fase dei dubbi, dei rimpianti, della paura di essersi sprecati, dell’ansia del tempo che fugge. E per farlo ritorna al Nebraska da cui proviene, scegliendo un bianco e nero elegante, essenziale, cristallino come la storia struggente e divertente che mette in scena.

Leggi tutto

THE COUNSELOR – IL PROCURATORE di Ridley Scott (2013)

counselor-procuratore«Tu sei il mondo che hai creato, quando smetti di esistere, anche il mondo che hai creato smetterà di esistere».

 

Ci sono pellicole che fanno parlare di sé perché sono dirette da un grande regista. Ce ne sono altre che si distinguono per uno sceneggiatore d’eccezione. Altre ancora diventano un evento perché capaci di radunare un cast all-star. E poi ci sono quelle come The Counselor che riescono nell’arduo compito di conciliare le tre prerogative. Ad un anno esatto dal discusso progetto portato a termine con Prometheus, Ridley Scott torna dietro la macchina con la lucida perizia dei tempi migliori, mettendo il suo abituale rigore formale al servizio di uno script calcolato al millimetro. Impegnato per la prima volta in carriera nella stesura di una sceneggiatura per il cinema, il grande cantore del lato oscuro della provincia americana Cormac McCarthy (anche co-produttore del film) compone un apologo di un iperrealismo così marcato da sfociare nel fantastico, in cui avidità e brama di denaro coincidono con un ineluttabile presagio di morte, tra supercar, gioielli, abiti di taglio sartoriale e ville hi-tech.

Leggi tutto

L’INVASIONE DEGLI ULTRACORPI di Don Siegel (1956)

invasione-degli-ultracorpiGiovedì 16/01/14, ore 22.50, RAI MOVIE

 

«You’re next!». Tratto dall’omonimo romanzo di Jack Finney del 1955, il film rappresenta la straordinaria incursione nella fantascienza dello specialista del poliziesco e del cinema d’azione americano Don Siegel (Contratto per uccidere, Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo, Fuga da Alcatraz).

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial