CODICE 999 di John Hillcoat (2016)

 

Un’occasione sprecata. Ecco cos’è Codice 999. John Hillcoat ha sicuramente talento ma qui dimostra di non saperlo sfruttare a dovere. Certo, spostare l’azione dalle classiche Los Angeles o New York alla più modesta Atlanta è una mossa azzeccata ma non sufficiente a tenere alto il livello dell’opera. È come se il regista avesse avuto un lampo di genio ma poi nel tentativo di trasporre il tutto nero su bianco abbia lasciato indietro qualche elemento fondamentale. Un film nettamente spaccato in due, che promette ma non riesce a mantenere.

Leggi tutto

FEFF 2016: IP MAN 3 di Wilson Yip (2015)

ipman-3

Il nuovo capitolo dedicato al popolare idolo delle arti marziali Ip Man è ambientato nella Hong Kong degli anni ’50, tra diavoli stranieri assetati di potere e maestri di arti marziali che si contendono il titolo di Gran Maestro a colpi di Kung Fu. Non manca nemmeno Mike Tyson, nei panni di un corrotto malfattore americano implicato nell’edilizia e intenzionato a mettere le mani sulla scuola elementare del distretto. Grossissima produzione, caratterizzata, come è lecito aspettarsi, da combattimenti spettacolari che sono in realtà il vero filo conduttore di questa trama, sostanzialmente bipartita. Prima e dopo i tre minuti di combattimento tra il maestro Ip Man e Mike Tyson, scena speculare al combattimento scandito dal tempo tra il maestro Hung Quan (Sammo Hung) e Ip Man (Donnie Yen) presente in Ip Man 2.

Leggi tutto

10 CLOVERFIELD LANE di Dan Trachtenberg (2016)

 

Avvolto da un alone di mistero che ha innalzato vertiginosamente le aspettative dei tanti spettatori che lo aspettavano da mesi e mesi, 10 Cloverfield Lane arriva sugli schermi italiani quasi in sordina, senza grandi investimenti pubblicitari e, per di più, con una distribuzione ben poco capillare. Produce ancora una volta l’attuale Re Mida di Hollywood J.J. Abrams, il quale nel 2008 diede vita, affidando la regia a Matt Reeves, a quel Cloverfield che segnò la storia della sci-fi contemporanea.

Leggi tutto

IL CALENDARIO DI MAGGIO 2016

microbo-gasolina

Dopo un aprile non particolarmente ricco di uscite, il calendario di maggio si presenta decisamente più interessante per il pubblico cinefilo. I fan dei cinecomic possono gioire: ben due sono i film tratti dai fumetti Marvel in uscita, Captain America: Civil War X-Men: Apocalisse. E se preferite il cinema d’autore, potrete sbizzarrirvi tra Al di là delle montagne di Jia Zhang-Ke, Microbo & Gasolina di Michel Gondry, Julieta di Pedro Almodóvar e il ritorno del nostro Paolo Virzì, con La pazza gioia (selezionato nella Quinzaine del Festival di Cannes). Di seguito, tutte le uscite in sala del mese. 

Leggi tutto

FEFF 2016: APOCALYPSE CHILD di Mario Cornejo (2015)

 apocalypsechild

Presentato al 18esimo Far East Film Festival, Apocalypse Child è il terzo lungometraggio di Mario Cornejo, regista che affianca alla sua attività indipendente la figura di regista commerciale e televisivo che lavora all’interno di una delle più grosse case di produzione delle Filippine, la Filmex.

La storia di Apocalypse Child è ambientata nella comunità dei surfisti di Baler, nel nord dell’isola di Luzon, dove nel 1977 è stata girata la famosissima scena di surf di Apocalypse Now, di Francis Ford Coppola. Dopo le riprese del film, una tavola da surf venne abbandonata in mare dalla produzione, ritrovata da un pescatore, e venduta a cinque ragazzi del posto e che in seguito divennero i primi campioni di surf delle Filippine.

Leggi tutto

Continua il FEFF 18, tra cortometraggi e… Godzilla!

godzilla

Nel 2015 il concorso Fresh Wave di Hong Kong è giunto alla sua decima edizione, confermandosi come vetrina imprescindibile dei giovani talenti cinematografici. Il progetto, basato su di un programma annuale organizzato dall’Hong Kong Arts Development Council, è stato fondato nel 2005 e negli ultimi anni ha ricevuto un nuovo impulso dal regista Johnnie To, presente all’apertura del festival in veste di co-produttore del film Trivisa, firmato da Frank Hui, Jevons Au e Vicky Wong, registi lanciati appunto dal programma Fresh Wave.

Nella sezione del Far East Film Festival di quest’anno, dedicata alla presentazione di tre corti selezionati, sono stati proiettati i lavori di tre giovani promesse del cinema hongkonghese: Conditioned, di Chan Kam-Hei, And Afterwards, di Law Sin-Yan e Where’s the Head? Di Lui Mei-Fung.

Leggi tutto

LA FORESTA DEI SOGNI di Gus Van Sant (2015)

 

L’edizione del 2015 del Festival di Cannes ha segnato il ritorno sulla Croisette di uno dei migliori cineasti americani contemporanei: Gus Van Sant, accompagnato da un cast d’eccezione composto da Matthew McConaughey, Naomi Watts e Ken Watanabe. Il film era attesissimo dalla critica e dal pubblico e tutti i giornalisti, dai più blasonati ai meno, non si sono lasciati scappare l’occasione di dire la loro, anche perchè il film esce nelle sale italiane a quasi un anno di distanza dalla presentazione al Festival. Nel frattempo, è stato distribuito negli States e in altre nazioni, da noi l’uscita era prevista per ottobre dello scorso anno, ma per alcuni controversie la Lucky Red ha dovuto posticipare fino ad ora.

Leggi tutto

FEFF 2016: MOJIN: THE LOST LEGEND di Wuershan, CHONGQING HOT POT di Yang Qing e FOURTH PLACE di Jung Ji-Woo

 

MOJIN: THE LOST LEGEND di Wuershan (Cina, 2015)

Presentato al 18esimo Far East Film Festival Mojin: The Lost Legend, diretto da Wuershan, è un film tratto dalla popolarissima serie di romanzi fantasy Ghosts Blows Out the Light, dello scrittore Tianxia Bachang. Opera molto ambiziosa che coniuga gli stilemi dei film d’avventura e fantasy, richiamando esplicitamente blockbuster come Indiana Jones, La Mummia e Tomb Raider. Produzione e incassi da record per questo film dal gusto tipicamente cinese basato sulla storia di tre profanatori di tombe che tratta di spiriti e fenomeni sovrannaturali e che per questo ha richiesto una complessa operazione di adattamento per ovviare ai problemi con la censura cinese che ad oggi si dimostra restia ad accettare tematiche simili. Opera titanica che spicca per l’utilizzo avanguardistico degli effetti e che dopo un inizio entusiasmante finisce con il perdere le fila del racconto stesso, confondendo più piani narrativi nell’intento di mostrare il più possibile senza però riuscire a raccontare molto.

Leggi tutto

UN REGISTA, TRE FILM: FRANÇOIS TRUFFAUT

 

Si sa, le classifiche si rivelano sempre dei giochi molto complessi da giocare per cinefili incalliti quali siamo noi. Ogni volta si incappa in mille perplessità su quale titolo mettere prima di un altro. Ci sono troppi fattori in gioco, l’obiettività, la soggettività, un attore del cuore, un’inquadratura che sovrasta tutte le altre, una colonna sonora incredibile ecc.

Leggi tutto

David di Donatello 2016: miglior film è PERFETTI SCONOSCIUTI, sbancano LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT e IL RACCONTO DEI RACCONTI

david-di-donatello

La cerimonia della 60esima edizione dei David di Donatello sbarca su Sky e cambia registro rispetto alle claudicanti annate precedenti, con uno spettacolo ambizioso sulla falsariga degli Oscar condotto da Alessandro Cattelan. Trionfo per Il racconto dei racconti Lo chiamavano Jeeg Robot, entrambi con 7 statuette, ma a sorpresa il premio per miglior film va a Perfetti sconosciuti. Ecco tutti i premi assegnati.

Leggi tutto

THE IDOL di Hany Abu-Assad (2015)

I sogni sono uguali in tutte le parti del mondo , soprattutto quando sembrano impossibili da realizzare. Rinunciarvi sembra la decisione più sensata quando l’universo rema contro. Di tanto in tanto, però, lasciarsi sorprendere può fare la differenza. Con The Idol, Hany Abu-Assad mette in scena una storia vera che è anche una metafora di quello che può ancora accadere, nonostante tutto.

Leggi tutto

Festival di Cannes 2016: il programma ufficiale

 cannes2016

Ecco il programma della 69ª edizione del Festival di Cannes 2016, che si terrà sulla Croisette dall’11 al 22 maggio. Ad aprire la kermesse sarà Woody Allen con il suo Café Society, Fuori concorso. Nessun italiano nella selezione ufficiale, che conta tantissimi nomi interessanti, dal ritorno di Nicolas Winding Refn, Jim Jarmusch e Pedro Almodovar ai soliti habitué cannensi come Dolan, Loach e i fratelli Dardenne. 

Leggi tutto

IL LIBRO DELLA GIUNGLA di Jon Favreau (2016)

 

Mettere mano ai Classici Disney e riproporne una trasposizione live action è un’operazione tanto delicata quanto, spesso, fonte di atroci fallimenti (almeno sul piano della qualità, perché il box office dice altro), se si pensa alle ultime opere prodotte. Con Il libro della giungla le aspettative erano diverse, non dava l’idea di essere un disastro annunciato. E infatti non lo è affatto, anzi.

Leggi tutto

CRIMINAL di Ariel Vromen (2016)

 

Dopo The Iceman, Ariel Vromen riprova a indagare la psiche degli outsider violenti e spietati per trovare un qualche barlume di umanità, o almeno una redenzione che sia in un certo modo consolatoria. Secondo il regista israeliano, il bene è il fine ultimo cui aspirare, e ancora una volta la strada per raggiungerlo passa dal focolare domestico. Come no. Noia.

Leggi tutto

MISTRESS AMERICA di Noah Baumbach (2015)

 

Mistress America, diretto da Noah Baumbach, si può considerare come il terzo capitolo del regista sul tema della crescita giovanile, insieme ai precedenti Frances Ha e While We Were Young. Il film è incentrato sull’incontro a N.Y. tra Tracy (Lola Kirke) e Brooke (Greta Gerwig, anche coautrice della sceneggiatura insieme al compagno di vita Baumbach), future sorellastre. L’incipit ce lo dà la giovane Tracy, appena arrivata in città per frequentare il college, quando dice: ”Non è ogni storia una storia di tradimento?”.

Una storia, dunque, che ci narra di come stare attenti a non tradire innanzitutto se stessi e le persone vicine, ma anche una storia di tradimenti necessari, forse, per crescere. La giovane Tracy fatica ad ambientarsi in università e a farsi accettare dalla prestigiosa società letteraria Moebius; Brooke, trentenne perfettamente integrata nella “movida” newyorkese, la aiuterà ad uscire dall’isolamento portandosela dietro nella ricerca di potenziali investitori per il suo futuro ristorante. Da questa alleanza, Tracy trarrà lo spunto per scrivere, sfruttando cinicamente la vita della neo-sorellastra, una breve storia (Mistress America per l’appunto).

Leggi tutto

Dalla commedia ‘Nemiche per la pelle’ al documentario: intervista a Luca Lucini

 

 

Tra pochi giorni sarà in sala Nemiche per la pelle, che vedrà protagoniste Margherita Buy e Claudia Gerini: una coppia di grandi attrici per una storia su due donne di carattere diametralmente opposto che, improvvisamente, si ritrovano a crescere insieme un bambino (figlio di un comune ex partner, deceduto). Nel cast, anche Giampaolo Morelli, Paolo Calabrese e Andrea Bosca. Il regista è Luca Lucini, cineasta che dall’esordio nel 2004 con Tre metri sopra il cielo ad oggi – passando per pellicole come Amore, bugie & calcetto, Solo un padre e La donna della mia vita – ha esplorato le vie della commedia, spesso dolceamara. Ultimamente, però, Lucini ha percorso anche la strada del documentario, con Il Tempio delle Meraviglie – Teatro alla Scala e con il prossimo Leonardo Da Vinci – Il genio a Milano (in uscita a maggio). Abbiamo intervistato il regista, facendoci raccontare il suo lavoro tra linguaggi cinematografici profondamente diversi, i progetti futuri e la sua visione dell’industria filmica italiana contemporanea.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: SCARECROW di Zig Dulay e À PEINE J’OUVRE LES YEUX di Leyla Bouzid

 

SCARECROW di ZIG DULAY

Per la categoria Flash del 26° FCAAAL, un intenso dramma familiare dalle Filippine: Scarecrow di Zig DulayBelyn (Alessandra de Rossi) è una giovane vedova che vive con la madre e i tre figli, fra cui il piccolo ed esuberante Popoy (Micko Laurente). La donna riesce a mantenere i propri cari a stento, lavorando come domestica per la famiglia benestante del cognato. Quando però un prezioso orologio d’oro della nipote sparisce, immediatamente tutti i sospetti ricadono su Popoy: ha inizio per madre e figlio un lungo e sofferto cammino verso la scoperta della verità. 

Partendo da un episodio apparentemente banale quale il presunto furto di un orologio da parte di un bambino, Scarecrow (Bambanti in lingua originale, “spaventapasseri”) intende mettere in scena un dramma dalle più ampie implicazioni. Schierandosi apertamente contro chi, pur professandosi maestro di rettitudine, non esita a puntare il dito contro gli indifesi, il regista vuole celebrare la vittoria di questi ultimi: saranno infatti il coraggio di una madre e l’amore che la lega indissolubilmente al proprio bambino ad avere la meglio sull’ipocrisia e la meschinità di una società irrimediabilmente diffidente nei confronti dei meno abbienti.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: WE’VE NEVER BEEN KIDS di Mahmood Soliman e THE MOCKED ONE di Lemohang Jeremiah Mosese

 

WE’VE NEVER BEEN KIDS di Mahmood Soliman

Per il concorso Lungometraggi “Finestre sul mondo”, un documentario degno di nota: We’ve Never Been Kids, del regista egiziano Mahmood Soliman.

Nadia e i suoi quattro figli sono una famiglia del Cairo che vive nella miseria: la donna, separata da un marito violento ed alcolizzato, è costretta a spaccarsi la schiena per guadagnare quei pochi soldi che le consentono di sopravvivere; i suoi figli, ancora ragazzini, si trovano obbligati a praticare i più svariati ed infelici lavori, vedendo i propri magri stipendi cadere, il più delle volte, nelle mani di un padre sfaticato e tiranno. Nel frattempo in Egitto scoppia la primavera araba: Nadia e i suoi figli, volti del popolo oppresso, decidono di scendere in piazza dalla parte dei rivoluzionari.

Documentario tutt’altro che convenzionale, We’ve Never Been Kids si sviluppa in un arco temporale di ben tredici anni – dal 2003 al 2016 – durante i quali il regista non solo ha filmato da vicino una famiglia nella sua quotidianità, mettendone in luce i drammi, le problematiche, i sogni (infranti e non), ma anche indagato la storia politica di un paese, dai primi fuochi della primavera araba sino all’ascesa di Al-Sisi.

Leggi tutto

STAR WARS – IL RISVEGLIO DELLA FORZA, Dvd e Blu-Ray: quanti extra dalla Galassia lontana lontana

 

Sembra soltanto ieri che, dopo una lunghissima e febbricitante attesa, Star Wars – Il Risveglio della Forza, finalmente usciva nelle sale, pronto a strabiliare nuovamente con le avventure da una Galassia lontana lontana. Sì sa, con opere di questo livello, l’attesa riguarda anche l’uscita home video, con la curiosità riguardante soprattutto la portata (quantitativa e qualitativa) dei contenuti speciali a disposizione. Noi eravamo presenti all’evento organizzato da Disney presso Wow Spazio Fumetto di Milano e possiamo assolutamente garantire che non solo i fan non resteranno delusi, anzi, ne saranno addirittura strabiliati. Dal 13 aprile, infatti, sarà possibile ri-apprezzare il film nei formati DVD, Blu-ray e anche nella SteelBook Edition Blu Ray. Di seguito l’elenco dei contenuti: sapevate che il concept di BB8 nasce da un’idea dello stesso J.J. Abrams? O che John “Finn” Boyega fosse un fan della serie? A giudicare dalla reazione alla prima apparizione del Millennium Falcon sembrerebbe proprio così. Non vedete l’ora? Abbiamo deciso di farvi un regalo con alcune immagini e clip esclusive.

E che la Forza sia con voi.

Leggi tutto

Il cinema dopo il cinema 1. Dieci idee sul cinema americano 2001-2010 di Roy Menarini

  

Con la scelta di indagare le mutazioni del cinema americano in un lasso di tempo limitato, in Il cinema dopo il cinema 1. Dieci idee sul cinema americano 2001-2010, Roy Menarini non fa una semplice operazione di ritaglio ma propone un metodo di percezione, o di visione potremmo dire appropriatamente, di quello che è l’“oggetto” cinema; considerato come un territorio di apparizione, una superficie di emergenza su cui affiorano elementi diversi.

Ciò che noi possiamo dire del cinema è sempre generato nel quadro di un sapere e di una condizione storica anch’essi in continua mutazione. Infatti, il titolo del libro non allude a un’ipotetica morte del cinema e al suo rinascere ma allo spazio di una trasformazione; che cambia molto di ciò che c’era prima eccetto il carisma, un’influenza indiscutibile, una vera e propria aura recuperata e assunta ora dal cinema nella sua totalità in quanto arte e non in riferimento a singole opere, dopo che, come giustamente aveva visto Walter Benjamin, era stata proprio la nascita del cinema (e della fotografia) a sancirne la scomparsa, cancellando unicità, autenticità e autorità dell’opera singola con la riproducibilità tecnica.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: ROSA CHUMBE di Jonatan Relayze Chiang

È ottobre a Lima, el mes morado (“il mese porpora”), durante il quale si svolge la grande processione del Signore dei Miracoli. Rosa Chumbe (Liliana Trujillo) è un’agente di polizia con il vizio dell’alcool e del gioco d’azzardo che vive insieme alla giovane figlia Sheila (Cindy Diaz) e il nipotino. A seguito di un brutto litigio, Sheila scappa di casa rubando i risparmi della madre, la quale si trova costretta a prendersi cura per la prima volta del piccolo. Improvvisamente Rosa sente rinascere il proprio istinto materno, sino a quel momento nascosto dietro la propria scorbutica corazza. Ma una notte accade un’impensabile tragedia: ora solo un miracolo può salvare Rosa.

Opera prima del regista cino-peruviano Jonatan Relayze Chiang, premiata al Festival del Cinema di Lima (Miglior Film) e al Festival des Films du Monde de Montréal (Menzione speciale della Giuria, Miglior Opera Prima), Rosa Chumbe è un film che lascia il segno.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: MONK COMES DOWN THE MOUNTAINS di Chen Kaige

Monk-Comes-Down-The-Mountain

Per la categoria fuori-concorso Flash/E tutti ridono, il 26° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina offre la prima europea di Monk Comes Down the Mountains, ultima opera del regista cinese Chen Kaige (Addio mia concubina).

Il film, ambientato nella Cina degli anni ’30, vede protagonista il giovane monaco taoista He Anxia, costretto ad abbandonare il monastero nel quale è cresciuto e a trasferirsi in città. Chiamato a ritagliarsi un posto in un mondo a lui completamente sconosciuto, Anxia dovrà fare i conti con le insidie e le tentazioni che lo popolano, cercando di mantenere integra la purezza del proprio spirito. Ad aiutarlo saranno alcuni dei più grandi maestri di kung fu.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: RYUZO AND THE SEVEN HENCHMEN di Takeshi Kitano

 

Ryuzo and the Seven Henchmen (Ryuzo e i sette scagnozzi) segna il ritorno agli Yakuza movie del poliedrico maestro Takeshi Kitano, assoluto pilastro del cinema orientale da oltre 20 anni. Dopo i precedenti Outrage e Outrage Beyond, film dai toni più cupi rispetto a questo, ma di notevole successo ai box office e apprezzati dalla critica, Kitano gira un film che, se pur d’azione, ha spesso dei toni da commedia. 

Ryuzo and His Sevene Henchmen, infatti, è la storia di Ryuzo, un vecchio uomo con un passato turbolento e violento, essendo un membro di una “famiglia” Yakuza, famosa organizzazione criminale giapponese. Vive con suo figlio, la moglie e suo nipote:e diciamo anche da nonno non è il massimo, dal momento che si diverte a spaventare spesso il bambino. Si ritrova a dover rimanere solo per qualche giorno e dopo aver ricevuto un tentativo di truffa dalla nuova malavita locale, riunisce la sua vecchia banda per formare una nuova “famiglia” e sgominare i neo-delinquenti che agiscono senza cervello e senza un codice etico e morale. La banda è composta da sette vecchi uomini, chi scappato dall’ospedale chi dall’ospizio, tutti con un’abilità speciale, ora evidentemente e comicamente arrugginita.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: TJAMPARANJANI di Miko Meloni e SU CAMPI AVVERSI di Andrea Fenoglio e Matteo Tortone

 

TJAMPARANJANI di Miko Meloni

Nella città di Pemba (Mozambico) una radio locale intervista i ragazzi di una scuola primaria coinvolti nelle attività artistiche dell’Oficina de Arte, sezione del progetto EDUCA Pemba. Attraverso la pittura e la poesia l’Oficina riesce ad unire questi giovani artisti in un collettivo coeso ed affiatato, all’interno del quale è loro concesso sentirsi un po’ speciali.

Il programma radiofonico “Tjamparanjani” (letteralmente “C’era una volta”) intende così dar voce all’esperienza artistica scaturita dalla più pura ed autentica ispirazione, aprendo una finestra su un mondo ancora profondamente legato alla tradizione orale della cultura e del sapere.

Leggi tutto

FCAAAL 2016: STOP di Kim Ki-duk (2015)

 

Dopo Ryuzo and the Seven Henchmen di Takeshi Kitano, il 26° FCAAAL offre in anteprima italiana, per la categoria Flash, l’opera di un altro grande nome del cinema orientale: il sudcoreano Kim Ki-duk.

In Stop, Miki (Natsuko Hori) e Sabu (Tsubasa Nakae) sono una giovane coppia costretta a trasferirsi a Tokyo a seguito del disastro nucleare di Fukushima nel 2011. La relazione fra i due, inizialmente idilliaca, si complica una volta rivelata la gravidanza della donna: tenere il bambino nonostante il rischio di malformazioni o abortire? Il dramma famigliare diviene però presto occasione per una riflessione di ben più ampie proporzioni, ossia quella sul sovra consumo elettrico e le centrali nucleari.

Leggi tutto

I consigli Home Video di Aprile 2016

 

** USCITE APRILE 2016 **

Forse immerso nel torpore di queste prime settimane di primavera, il mese di aprile si presenta, agli estimatori del cinema in home video, non particolarmente ricco numericamente di uscite ma certamente notevole nel portare nei negozi due dei titoli più importanti di fine 2015. Escono infatti, nelle doppie edizioni DVD e Bluray, sia Il Ponte delle Spie di Spierberg che Star Wars Ep. VII Il Risveglio della Forza, editi da 20th Century Fox e Disney.

Si potrebbe anche chiuderla qua ma ci sono un altro paio di chicche niente male per estimatori: si comincia con lo spettacolare melodramma cinese Aftershock di Feng Xiao Gang, proseguendo con I miei vicini Yamada, film d’animazione che va a completare la pubblicazione degli inediti dello Studio Ghibli da parte della Lucky Red.

Leggi tutto

IRISH FILM FESTA, il cinema irlandese a Roma dal 7 al 10 aprile

 

irish-film-festa

IRISH FILM FESTA torna a Roma dal 7 al 10 aprile 2016: il festival dedicato al cinema irlandese giunge quest’anno alla nona edizione e si terrà come di consueto alla Casa del Cinema con proiezioni di film in anteprima italiana e incontri quotidiani con registi e attori, oltre alla sezione concorso nata nel 2010 e riservata ai cortometraggi, che proporrà quindici opere.

Leggi tutto

Al via il 26° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA, a Milano dal 4 al 10 aprile

festivala-africa

Giunge alla 26esima edizione il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina, che dal 4 al 10 aprile 2016 porta a Milano  nuovi  linguaggi espressivi, cinematografici e non, provenienti da questi tre continenti. L’edizione di quest’anno sintetizza la sua proposta culturale nel claim “Designing Futures” e si apre nell’ambito della XXI TRIENNALE, inaugurando nella sala del Teatro dell’Arte, con la proiezione in anteprima italiana dell’ultimo film di Takeshi Kitano, Ryuzo and the Seven Henchmen (Ryuzo e i sette compari).

Leggi tutto

IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO di Cedric Nicolas-Troyan (2016)

 

Dopo il successo al botteghino di Biancaneve e il cacciatore, con tanto di nomination all’Oscar per gli effetti visivi, per Cedric Nicolas-Troyan è tempo di passare dietro la macchina da presa per Il cacciatore e la regina di giaccio, una sorta di prequel/sequel/spin off del capitolo precedente. Il risultato, tuttavia, va oltre le più basse aspettative.

Si comincia ben prima delle vicende che hanno visto protagonisti Biancaneve (Kirsten Stewart), la perfida Ravenna (Charlize Theron) e il cacciatore Eric (Chris Hemsworth): Freya (Emily Blunt), sorella di Ravenna, dopo l’omicidio della neonata primogenita, scatena il suo potere, congelando completamente il suo regno. Toccherà ad Eric e alla sua amata Sara (Jessica Chastain) porre rimedio alla situazione.

Leggi tutto

LOVE & MERCY di Bill Pohlad (2014)

 

Ci sono voluti due anni per portare nelle sale italiane Love & Mercy, curioso ma piuttosto deludente biopic dedicato al leader dei Beach Boys Brian Wilson, tra i più cristallini geni musicali di sempre e al contempo figura problematica attraversata da crisi esistenziali entrate nella leggenda.

Opera seconda di Bill Pohlad (che torna a dirigere a un quarto di secolo dal suo esordio Old Explorers; nel frattempo ha prodotto film come Into the Wild, The Tree of Life e 12 anni schiavo), il film traccia il profilo di Wilson muovendosi su due piani temporali. Da una parte, gli anni Sessanta della creatività più feconda, con la svolta dalla fase “canzonette” (ma che canzonette!) alla complessa genesi del capolavoro Pet Sounds; qui l’artista è interpretato da un Paul Dano imbolsito e sorprendentemente mimetico. Dall’altra, la decadenza degli anni Ottanta, con il cantautore californiano – stavolta impersonato da John Cusack – succube del controverso psichiatra Eugene Landy (Paul Giamatti) da cui lo salverà la futura moglie Melinda (Elizabeth Banks).

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial