Venezia 79: la recensione di Palimpsest

 

Palinsesto: ← dal lat. palimpsēstu(m), che è dal gr. palímpsēstos, comp. di pálin ‘di nuovo’ e psân ‘raschiare’; propr. ‘raschiato (per scrivervi) di nuovo’.

Riscrivere su una pergamena un foglio o altro supporto (in questo caso metaforicamente riscrivere la propria vita), e questa è l’opportunità che viene data ai due protagonisti di questo originale film scandinavo, che si trova a metà strada tra Cocoon di Ron Howard, e Il curioso caso di Benjamin Button, diretto da David Fincher.

Leggi tutto

Blonde di Andrew Dominik, la recensione del film con Ana de Armas

Su Netflix

A cura di Francesco Pozzo

Blonde, quarto lungometraggio lungamente covato di Andrew Dominik – che già mostrò tutto il suo ribollente e sconfinato talento con quella pellicola mitica e sfolgorante che è L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford (ma non solo: riguardatevi Chopper), e che alcuni ridussero, e continuano stoltamente a ridurre, a sterile e compiaciuto manierismo autoriale d’alta classe – trionfa nell’apparentemente impossibile impresa che mai nessuno è riuscito a compiere: restituirci l’abissale, opaca e distruttiva complessità di Norma Jeane Mortenson. Tradotto: Marilyn Monroe.

Leggi tutto

Future Film Festival 2022, i vincitori

Inu-Oh Vincitore 22° Future Film Festival

La giuria, composta dalla giornalista de El Pais/HFPA Rocio Ayuso, dal giornalista e segretario generale ASIFA ITALIA Emiliano Fasano e dal Direttore del MamBO Lorenzo Balbi, ha decretato i vincitori della 22esima edizione del Future Film Festival di Bologna.

Leggi tutto

Festa del cinema di Roma 2022: il programma

Il nuovo logo della Festa del Cinema di Roma è ispirato alla Lupa Capitolina

Grande programma per la Festa del cinema di Roma 2022, che torna nella Capitale dal 13 al 23 ottobre. Si apre con l’atteso Il colibrì di Francesca Archibugi con Pierfrancesco Favino, cui seguono tante anteprime succose, dalla nuova serie che rispolvera il personaggio di Django che segna il debutto al western per Francesca Comencini, al nuovo film di David O. Russel Amsterdam, dal ritorno di Gianni Zanasi con La guerra dimenticata al biopic L’ombra di Caravaggio di Placido con Scamarcio nel ruolo del pittore, passando per il nuovo film di Gianni Di Gregorio. Carlo Verdone sarà presidente della giuria chiamata a votare la sezione commedia, mentre la retrospettiva è dedicata alla sublime coppia Newman-Woodward, che campeggia anche nello splendido poster. James Ivory sarà omaggiato con il premio alla carriera e una carrellata di suoi film. Da notare Raymond e Ray, con l’inedito duo Ewan MacGregor/Ethan Hawke, la serie con Lillo Petrolo e l’inevitabile omaggio a Jean-Luc Godard.

Leggi tutto

Venezia 79: la recensione di Hanging Gardens

Hanging Gardens - Film (2022) - MYmovies.it

Pellicola d’esordio nel lungometraggio per Ahmed Yassin Al Daradji, Hanging Gardens (in Orizzonti Extra a Venezia 79) è un film di produzione arabo-britannica che parla di un tema tabù: la prostituzione (anche se solo di una bambola), la pornografia, la sessualità maschile in un paese arabo.

Leggi tutto

Le vie del cinema 2022 a Milano, quanti titoli da Venezia79, Cannes e Locarno

 

Torna Le Vie del Cinema, la manifestazione organizzata da Agis Lombarda che porta a Milano alcuni dei titoli visti ai principali festival cinematografici internazionali. Dal 22 al 30 settembre, ecco sbarcare nelle sale meneghine film provenienti dalla Mostra del cinema di Venezia appena conclusa (Leone d’oro compreso) ma anche da Cannes e da Locarno. Di seguito il programma: da notare che nella giornata di giovedì 22 la rassegna aderisce a Cinema in festa, con i costi dei biglietti a 3,50 euro.

Leggi tutto

Vertigo Film Fest, a Milano il festival di corti dal 21 al 23 settembre

Vertigo Film Fest, dal 21 al 23 settembre l'evento milanese dedicato ai  corti

Cortometraggi protagonisti a Milano con il VERTIGO FILM FEST da mercoledì 21 a venerdì 23 settembre nella sala Astra dell’ANTEO Palazzo del Cinema. Per tre serate, le proiezioni di cortometraggi italiani e internazionali saranno intervallate da momenti di dibattito con il pubblico e da interventi di alcuni dei registi e dei team delle opere selezionate che saranno presenti in sala.

Leggi tutto

Emmy 2022, i vincitori

succession hbo

Sono stati assegnati gli Emmy Awards 2022, i premi più importanti degli show televisivi americani (e non solo). La cerimonia ha visto la conferma di quel gioiello di Succession proclamata ancora una volta miglior serie drammatica, e di Ted Lasso, miglior serie comedy. Da notare i tanti riconoscimenti vinti dalla sudcoreana Squid Game, mentre sul fronte miniserie l’asso pigliatutto è The White Lotus. Tra gli attori e le attrici premiati, la sempre più lanciata Zendaya e due stelle del cinema come Michael Keaton e Amanda Seyfried.

Leggi tutto

Venezia 79, tutti i vincitori: Leone d’oro a All the Beauty and the Bloodshed, a Guadagnino la miglior regia

Biennale Cinema 2022 | All the Beauty and the Bloodshed

Si è chiusa la 79esima edizione della Mostra d’arte cinematografica di Venezia, con l’inatteso Leone d’oro al documentario All the Beauty and the Bloodshed, che ha battuto grandi favoriti come No Bears di Jafar Panahi e The Banshees of Inisherin, comunque vincitori di importanti premi. Grande soddisfazione per il nostro Luca Guadagnino, premiato per la miglior regia, mentre il cinema anglosassone fa man bassa di premi tra gli attori: Colin Farrell ha prevalso sull’applauditissimo Brendan Fraser di The Whale mentre Cate Blanchett è stata preferita alla Ana De Armas che ha incarnato Marilyn. Questi i premi attribuiti dalla giuria presieduta da Julianne Moore e composta da Mariano Cohn, Leonardo Di Costanzo, Audrey Diwan, Leila Hatami, Kazuo Ishiguro e Rodrigo Sorogoyen. Di seguito, anche i riconoscimenti delle altre sezioni.

Leggi tutto

Venezia 79, la recensione di L’origine du mal

Biennale Cinema 2022 | L'origine du mal

Altro prodotto interessante uscito dalle sezioni “minori” (si fa per dire) della Mostra di Venezia 2022, vale a dire Orizzonti Extra, L’origin du mal conferma l’ottimo stato di salute del cinema francese quando riesce a coniugare genere e sensibilità narrativa. Il film di Sébastien Marnier, oltre a ribadire come Laure Calamy sia una delle attrici più brave d’Oltralpe e non solo, è un dramma con venature thriller, un ritratto di famiglia altoborghese cinico e spietato quanto i suoi personaggi.

Leggi tutto

Venezia 79: la recensione di Il signore delle formiche, il film di Gianni Amelio sul caso Braibanti

Il signore delle formiche - Film (2022) - MYmovies.it

Il caso Braibanti è una ferita ancora aperta per il nostro Paese e Gianni Amelio si addentra all’interno delle vite dei suoi protagonisti per rispolverarne l’attualità. Aldo Braibanti (Luigi Lo Cascio) è un intellettuale che viene messo al centro di un processo per plagio a causa della relazione con Ettore, diciottenne emiliano di famiglia piccolo borghese, conosciuto in un centro culturale da lui gestito. I due scappano a Roma insieme ma vengono trovati e il giovane viene recluso in una clinica dove viene sottoposto a elettroshock.

Leggi tutto

Venezia 79: la recensione di The Eternal Daughter con Tilda Swinton

The Eternal Daughter - Film (2022) - MYmovies.it

Un albergo vittoriano immerso nella campagna inglese, con la nebbia e il vento che smuove i rami degli alberi e rompe il silenzio della notte, questa è l’ambientazione horror dell’ultimo film di Joanna Hogg con protagonista l’amica d’infanzia Tilda Swinton. Una signora di mezza età trascorre qualche giorno con sua madre alloggiando nell’albergo che precedentemente era la casa di villeggiatura della famiglia dell’anziana signora in cui quest’ultima ha trascorso lunghi periodi della propria infanzia e giovinezza. Con l’occasione di festeggiare il compleanno della madre e indagarne il passato, la figlia cerca materiale per il nuovo soggetto cinematografico che sta scrivendo.

Leggi tutto

Venezia 79, la recensione di On the Fringe con Penelope Cruz

On the Fringe, presentato a Venezia 79 il film prodotto da Penélope Cruz:  le prime foto

Tutti parlano del Concorso della Mostra di Venezia, ma non vanno sottovalutate le cosiddette sezioni collaterali, soprattutto se – in questo caso parliamo di Orizzonti – offrono film come questo On The Fringe, alias En los márgenes, film spagnolo diretto da Juan Diego Dotto con un’intensa Penelope Cruz, anche in veste di produttrice. La pellicola segue 24 ore nelle vite di alcuni personaggi, oppressi e soffocati dalla devastante crisi economica che costringe parte della popolazione a vivere, per l’appunto, “ai margini”.

Leggi tutto

Venezia 79, la recensione di Love Life

Non solo Hirokazu Kore’eda e Ryūsuke Hamaguchi: il cinema giapponese più intimista continua a regalare perle come questo Love Life di Kōji Fukada, regista già premiato all’Un Certain Regard di Cannes con Harmonium. In concorso a Venezia 79, il film ruota intorno a una famiglia per così dire “allargata”. Taeko è sposata da poco con Jiro: lei ha un figlio da un precedente matrimonio, lui una ex tradita che pensa ancora a lui. Un’indicibile tragedia rompe l’equilibrio e riporta nella vita di Taeko l’ex marito.

Leggi tutto

Gli spiriti dell’isola di Martin McDonagh, la recensione del film con Colin Farrell e Brendan Gleeson

The Banshees of Inisherin”, un film cupo e appassionante che merita il  palmarès - Il Sole 24 ORE

A cinque anni da Tre manifesti a Ebbing, Missouri, il regista Martin McDonagh torna con Gli spiriti dell’isola, piccolo film già presentato alla Mostra di Venezia che si sta rivelando un asso pigliatutto in termini di nomination e premi. Dall’America rurale del precedente lavoro si passa all’Irlanda, terra di origine del regista britannico che ha scelto di girare nei luoghi di famiglia, dove trascorreva le vacanze. Per il ruolo dei due protagonisti, ha invece pensato di riunire dopo 14 anni Colin Farrell e Brendan Gleeson, che già aveva diretto insieme nel suo secondo film In Bruges.

Leggi tutto

Venezia 79, la recensione di The Banshees of Inisherin con Colin Farrell e Brendan Gleeson

The Banshees of Inisherin”, un film cupo e appassionante che merita il  palmarès - Il Sole 24 ORE

A cinque anni da quando presentò il suo pluripremiato Tre manifesti a Ebbing, Missouri, il regista Martin McDonagh torna alla Mostra di Venezia con The Banshees of Inisherin, uno dei film più intensi e originali di questa edizione del festival. Dall’America rurale del precedente lavoro si passa all’Irlanda, terra di origine del regista britannico che ha scelto di girare nei luoghi di famiglia, dove trascorreva le vacanze. Per il ruolo dei due protagonisti, ha invece pensato di riunire dopo 14 anni Colin Farrell e Brendan Gleeson, che già aveva diretto insieme nel suo secondo film In Bruges.

Leggi tutto

La recensione di Don’t Worry Darling di Olivia Wilde

Don't Worry Darling la recensione da Venezia - Gamesurf

Tra i film più attesi dell’anno, è stato probabilmente anche il più chiacchierato all’ultima Mostra di Venezia. Don’t Worry Darling, opera seconda da regista dell’attrice Olivia Wilde dopo l’apprezzato La rivincita delle sfigate, vede un cast decisamente gustoso per il pubblico giovanissimo, dalla protagonista Florence Pugh alla superstar Harry Styles. Siamo in una cittadina ideale nel bel mezzo del deserto californiano negli anni 50, dove le mogli passano le loro giornate a rassettare casa e a fare shopping, aspettando i mariti che lavorano in una misteriosa base dedita a progetti top secret. 

Leggi tutto

Venezia 79: Don’t Worry Darling, la recensione del film con Florence Pugh e Harry Styles

Don't worry darling - Sentieri Del Cinema

Se lasciassimo per un attimo la mera cinefilia per dedicarci al lato più gossipparo della Mostra di Venezia, il film dell’edizione numero 79 sarebbe senza dubbio Don’t Worry Darling. La pellicola di Olivia Wilde è arrivata al Lido preceduta da polemiche ulteriormente alimentate che lo hanno reso grande protagonista, al di là di quello che è il suo valore cinematografico.

Leggi tutto

Venezia 79, la recensione di The Whale di Darren Aronofsky con Brendan Fraser

The Whale è un film potente, squassante, sconvolgente. Impossibile rimanere  indifferenti - MYmovies.it

È difficile pensare di scrivere in poche righe un pensiero che renda dignità ad una visione complessa e fortemente emotiva come quella di The Whale. Charlie è un uomo che, obbligato dalla sua obesità all’interno delle proprie mura domestiche, cerca di recuperare un rapporto con la figlia adolescente, Ellie, dopo aver abbandonato lei e la madre per vivere con un nuovo compagno. Purtroppo per Charlie il tempo che ha a disposizione non è più molto.

Leggi tutto

Venezia 79: la recensione di I figli degli altri di Rebecca Zlotowski

Venezia 79, recensione del film I figli degli altri - Les Enfants des  autres - Mauxa.com

Davvero una donna senza figli è da considerarsi “incompleta”? Su questo pregiudizio ancora radicato nella mentalità della nostra società si costruisce il film di Rebecca Zlotowski in concorso alla Mostra di Venezia 2022. I figli degli altri vive interamente dal punto di vista di Rachel (Virginie Efira), un’insegnante quarantenne che avvia una relazione importante con un uomo divorziato (Roschdy Zem) e già padre di una bambina. Donna indipendente e soddisfatta, Rachel inizia a interrogarsi sul suo bisogno di maternità e si affeziona alla piccola, ma la presenza dell’ex di lui (Chiara Mastroianni) porterà a una svolta inattesa e a una cocente delusione.

Leggi tutto

Il maestro giardiniere di Paul Schrader, la recensione

Master Gardener, il nuovo film di Paul Schrader con Joel Edgerton e  Sigourney Weaver: il nostro verdetto - Sortiraparis.com

Alla Mostra di Venezia piace Paul Schrader, e viceversa. Il regista e sceneggiatore statunitense, dopo aver portato sul Lido negli scorsi anni i suoi splendidi First Reformed e Il collezionista di carte, entrambi ingiustamente poco considerati al botteghino benché tra i film americani più significativi dell’ultimo decennio, ha scelto il festival italiano anche per il terzo capitolo di quella che lui stesso considera una trilogia su personaggi solitari e tormentati. Master Gardener è stato presentato fuori dalla competizione ufficiale, con lo stesso Schrader omaggiato del Leone alla carriera.

Leggi tutto

Venezia 79: Bones and All, la recensione del film di Luca Guadagnino con Timothée Chalamet

Bones and All: la recensione del film di Luca Guadagnino - HotCorn.com

Con Bones and All Luca Guadagnino torna a indagare il mare delle emozioni adolescenziali con un road movie solo apparentemente non convenzionale. La diciottenne Maren si mette in viaggio dopo essere stata abbandonata dal padre che non può più permettersi di proteggerla quando emerge in lei l’istinto irrefrenabile di nutrirsi di carne umana. La giovane si mette così alla ricerca della madre sconosciuta e lungo la strada scopre che esistono altre persone con i suoi stessi bisogni alimentari. Quando incontra Lee (Timothée Chalamet), giovane vagabondo che vive di espedienti, il viaggio assume un significato nuovo: dopo aver scoperto e rinnegato le rispettive radici, vanno alla ricerca di loro stessi.

Leggi tutto

Venezia 79: la recensione di Argentina, 1985 di Santiago Mitre

Argentina 1985": cinema come documento storico | The Soundcheck

“Nunca más”, era il titolo del rapporto stilato sulle migliaia di desaparecidos della dittatura militare argentina. “Mai più” orrori come quelli che lo Stato sudamericano subì nel regime del 1976-1983 e che a distanza di 40 anni non vanno dimenticati. Il cinema è uno strumento fondamentale per preservare la memoria storica e imparare dagli errori del passato, ha dichiarato il regista Santiago Mitre nel presentare Argentina, 1985, film in concorso alla Mostra del cinema di Venezia 2022 che racconta il processo contro la giunta militare di Jorge Rafael Videla. 

Leggi tutto

Venezia 79, la recensione di Bardo, falsa crónica de unas cuantas verdades di Alejandro G. Iñárritu

Crítica de 'Bardo, falsa crónica de unas cuantas verdades'

“La depressione è una malattia dei borghesi che nasce dall’ozio”, con la pigrizia di una massima di questo stampo si può riassumere l’esperienza che matura in sala durante la visione di Bardo, un po’ brillante, un po’ frustrante. Silverio Gama, illustre giornalista e documentarista messicano che ha costruito famiglia e carriera a Los Angeles, torna in Messico per festeggiare con famigliari e amici l’assegnazione del più importante premio giornalistico del mondo distopico messo in scena da Alejandro G. Iñárritu.

Leggi tutto

Venezia 79: la recensione di Princess

Venezia 79, Glory Kevin: «Princess sono io» | Vanity Fair Italia

Film d’apertura di Orizzonti alla Mostra di Venezia 2022, Princess è l’opera seconda di Roberto De Paolis, a cinque anni dall’esordio con Cuori puri. È una fiaba, come lasciano intendere i bellissimi titoli di testa che sembrano usciti da un film Disney degli anni ’50? Il mondo favolistico è un orizzonte di riferimento per il film di De Paolis, che però ne ribalta ogni prospettiva ed elemento per mostrarci un ritratto estremamente naturalistico, da cinema del reale, del mondo della prostituzione sul litorale romano.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial