ANA ARABIA di Amos Gitai (2013)

 Da sempre attento ad esplorare le condizioni socioculturali che l’eterno conflitto tra Israele e Palestina ha prodotto nella società mediorientale, il regista e sceneggiatore israeliano Amos Gitai, torna in concorso alla 70esima edizione del Festival di Venezia con Ana Arabia, opera che per coerenza stilistica e tematica si posiziona perfettamente all’interno della sua vasta filmografia. Protagonista della vicenda è Yael (Yuval Scharf), avvenente giornalista israeliana che si reca all’interno di una ristretta comunità di reietti formata da ebrei ed arabi, i quali vivono insieme in un angolo terrestre dimenticato dai più, al confine tra Jaffa e Bat Yam in Israele. In questi luoghi viveva Ana Arabia, nata in Polonia, emigrata in Terra Santa dopo la Seconda Guerra Mondiale, sposata ad un arabo e per questo motivo divenuta la fonte principale delle malelingue di amici e benpensanti.

 

La missione di Yael è di realizzare un reportage sulla vita della donna, riportando alla luce gli eventi più significativi, attraverso le testimonianze delle persone a lei prossime: il marito, la figlia, e gli abitanti delle baracche limitrofe.

Il film si distingue essenzialmente per lo stile di regia con cui è girato, ossia un unico piano sequenza in formato 1:25, dalla durata di ben 84 minuti, che come dichiarato dallo stesso Gitai, è stato adottato per legare i frammenti dei ricordi dei personaggi intervistati con le contraddizioni storiche da loro stessi raccontate.

Sebbene tale esempio di virtuosismo tecnico risulti quantomeno coraggioso e quindi per certi versi apprezzabile, gli aspetti meno convincenti sono da rintracciare nella narrazione sulla quale grava una sequela di lunghi e ridondanti monologhi, senza però farne corrispondere da parte di Gitai una adeguata riflessione sulle diversità culturali, che non si riduca a mero atto documentativo. L’impressione principale che si avverte al termine della visione è quella di avere assistito ad una didattica e pedissequa trasmissione di fatti, impartita da un professore sicuramente preparato, ma in questo caso non sufficientemente abile a conferirne il necessario spessore emotivo

 

Voto: 2/4