LA STANZA DELLE MERAVIGLIE di Todd Haynes (2017)

La stanza delle meraviglie, recensione: dal dolore più grande la riscoperta  dell'amore per la vita | Spettacolo.eu

Tratto dal famoso romanzo di Brian Selznick, autore anche de La Straordinaria Invenzione di Hugo Cabret, portato al cinema da Martin Scorsese, La stanza delle Meraviglie di Todd Haynes narra la storia di Ben e Rose, due bambini di epoche diverse che segretamente desiderano una vita diversa dalla propria. Ben abita nel Minnesota del 1977 e, dopo aver perso l’udito a causa di un fulmine, decide di partire per New York alla ricerca del padre che non ha mai conosciuto. Rose, bambina sordomuta, abita nel New Jersey del 1927; tenuta isolata dai coetanei e dal resto del mondo lascia la casa alla volta di Manatthan perché sogna Lillian Mayhew (Julianne Moore), una misteriosa attrice di cui raccoglie foto e notizie in un album. Qualcosa spinge i due ragazzi alla ricerca di quello che hanno perduto con una simmetria ipnotica. Le loro scoperte attraversano anni di silenzio e di rimpianti mentre le due storie procedono parallele per poi intrecciarsi in maniera inaspettata in un visionario gioco di simmetrie, tra stupore e speranza.

Leggi tutto

FREE FIRE di Ben Wheatley (2016)

Free Fire - Cineuropa

Dopo il passo falso di High Rise, Ben Wheatley torna con Free Fire, che passò in anteprima italiana come film di chiusura al Torino Film Festival 2016 e arriva nelle nostre sale a un anno di distanza. Ci troviamo a Boston nel 1978: un gruppo di militanti dell’IRA si incontra con dei trafficanti d’armi per l’acquisizione di un magazzino abbandonato, ma qualcosa non va per il verso giusto e si finirà presto in una spietata sparatoria tra i due gruppi. Wheatley gioca e si diverte con il genere, facendo divertire anche gli undici strepitosi gunfighters che, contrariamente alla tensione drammatica che ci si aspetterebbe da una situazione tragica e violenta di questo tipo, reagiscono emotivamente in maniera goliardica, con raffiche di battute irresistibili, totalmente estranee al contesto in cui si trovano (considerato che si stanno letteralmente facendo fuori uno ad uno).

Leggi tutto

ASSASSINIO SULL’ORIENT EXPRESS di Kenneth Branagh (2017)

 

Il celebre investigatore Hercule Poirot si trova a bordo del prestigioso treno Orient Express. Lungo il tragitto a causa di una valanga di neve il convoglio è costretto a fermarsi, ma il peggio arriverà quando si scoprirà che uno dei passeggeri è stato assassinato. È chiaro sin da subito che Kenneth Branagh, con il suo remake del film di Sydney Lumet del 1974, vuole svecchiare il genere attualizzando i personaggi creati dalla regina del giallo Agatha Christie inserendo temi sociali legati al nostro tempo. Per farlo ricostruisce l’opera affidandosi a un cast stellare composto da Judi Dench, Michelle Pfeiffer, Penélope Cruz, Willem Dafoe, Johnny Depp e molti altri.

Leggi tutto

BABYLON SISTERS di Gigi Roccati (2017)

 

Ci troviamo in un palazzo degradato alla periferia di Trieste abitato da un vecchio burbero (interpretato da Renato Carpentieri) e da famiglie di immigrati tra cui quella di Asjok e Shanti e la loro piccola Kamla. Quando arriva la lettera di sfratto, determinati a non lasciare le proprie abitazioni, gli uomini reagiscono con rabbia alle minacce del padrone di casa, mentre le donne si uniscono per salvare il destino delle proprie famiglie. Shanti svela il proprio dono di saper ballare come una star di Bollywood e, con l’aiuto di un’amica italiana nasce il progetto di una scuola di danza.

Leggi tutto

MOONLIGHT di Barry Jenkins (2016)

 

 

Dopo il suo dramma sentimentale, Medicine For Melancholy, lo sceneggiatore e regista Barry Jenkins torna con un’altra opera cinematografica che racconta la vita di un ragazzo interrotto e il suo difficile percorso verso il raggiungimento della maturità. Moonlight è un adattamento della pièce teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin McCraney, che vede protagonista Chiron, un bambino fragile e insicuro alle prese con la sua identità sessuale e costantemente sottoposto agli atti di bullismo dei suoi coetanei.

Leggi tutto

Torino Film Festival 2016: FREE FIRE di Ben Wheatley

Dopo il passo falso di High Rise, Ben Wheatley torna a Torino e chiude la splendida kermesse torinese di quest’anno con Free Fire, dopo averlo già presentato con successo a Toronto e Londra. Ci troviamo a Boston nel 1978, un gruppo di militanti dell’IRA si incontra con dei trafficanti d’armi per l’acquisizione di un magazzino abbandonato, ma qualcosa non va per il verso giusto e finirà presto in una spietata sparatoria tra i due gruppi. Wheatley, con Free Fire gioca e si diverte con il genere, facendo divertire anche gli undici strepitosi gunfighters che, contrariamente dalla tensione drammatica che ci si aspetta da una situazione tragica e violenta di questo tipo, qui reagiscono emotivamente in maniera goliardica, con raffiche di battute irresistibili, totalmente estranee al contesto in cui si trovano, dato che  si stanno letteralmente facendo fuori uno ad uno.

Leggi tutto

Torino Film Festival 2016: BETWEEN US di Rafael Palacio Illingworth

Between Us di Rafael Palacio Illingworth è stato il film di apertura della 34esima edizione del Torino Film Festival. I protagonisti sono Henry e Dianne, una coppia di trentenni che si ritrovano in quel momento del rapporto in cui, per convenzione, è necessario istituzionalizzare un legame nonostante le proprie voci interiori li mettano in guardia sulla serenità della loro relazione. I due brucieranno le tappe sposandosi in fretta e furia senza troppa convinzione, ma ovviamente l’istinto prevarrà e subito dopo una lite metteranno in discussione il loro legame.

Leggi tutto

GIMME DANGER di Jim Jarmusch (2016)

 

Jim Jarmusch con Gimme Danger compie un vero e proprio atto d’amore che ci porta dentro l’epica storia di una delle band che hanno rivoluzionato la storia del rock, gli Stooges. Questa volta, però, mette da parte tutto il milieu creativo che lo ha da sempre caratterizzato per mostrarci quella che definisce decisamente “la più grande rock band mai esistita”, limitandosi ad una messa in scena convenzionale del genere, sfruttando in maniera accorta e scrupolosa interviste inedite, materiale di repertorio e anche interessantissime rarità dei fan.

Leggi tutto

TFF 2015: THE ECSTASY OF WILKO JOHNSON di Julien Temple

  

Il regista rock Julien Temple, a Torino nella veste di Guest Director della 33° edizione del Torino Film Festival, ha presentato nella manifestazione piemontese anche il suo ultimo documentario, The Ecstasy of Wilko Johnson

Nel 2013, Wilko, chitarrista dei Dr. Feelgood e dei Blockheads, decide di partire per il suo tour d’addio dopo la diagnosi di una malattia terminale. Il regista segue l’eccentrico chitarrista attraverso un brillante monologo nel quale emerge sin da subito la forza e il coraggio di Johnson davanti a questa grande prova.

Leggi tutto

ROCK THE KASBAH di Barry Levinson (2015)

 

Rock the Kasbah, l’ultimo lavoro di Barry Levinson, è una commedia ispirata alla storia vera di Setara Hussainzada (prima donna ad aver cantato e ballato in diretta tv in Afghanistan).

L’intera vicenda ruota attorno a Richie Lanz, un manager di musica rock in totale declino che decide di accettare la bizzarra proposta di portare la sua nevrotica cliente, Ronnie, in tour per l’Afghanistan. Purtroppo i programmi non vanno come da previsione e Richie si ritrova bloccato a Kabul senza cantante, senza portafoglio e senza passaporto. Presto s’imbatte in Salima, una giovanissima ragazza pashtun dalla voce melodiosa, il cui sogno è quello di partecipare nel programma Afghan Star (l’equivalente del nostro X-Factor).

Leggi tutto

TURNER di Mike Leigh (2014)

mr-turner-locandina«Io devo restare solo e sapere che son solo,

per sentire e vedere tutta la natura.

Io mi devo dare a ciò che mi circonda,

riunirmi alle mie nuvole e rocce per essere ciò che sono».

C. David Friedrich

 

Mike Leigh rende omaggio al celebre pittore inglese William Turner con un biopic raffinatissimo che scava a fondo nella sua vita artistica e privata.

La pellicola ripercorre gli ultimi venticinque anni della sua vita raccontandoci magistralmente la derisione subita, l’eccentricità rivoluzionaria, la vita insolita e solitaria e la sua ossessiva ricerca cromatica nei paesaggi.

Attraversando i piccoli e grandi episodi della sua esistenza travagliata, Leigh si sofferma sul grande senso di smarrimento, ma anche di piacere, di Turner davanti allo spettacolo dei grandi sconvolgimenti atmosferici e di straordinari fenomeni naturali che denotano il suo bisogno urgente di ritorno alla natura e all’esaltazione della vita umana vissuta nella sua immediatezza e spontaneità, fatta appunto, di impeto e assalto.

Leggi tutto

LA SPIA – A MOST WANTED MAN di Anton Corbijn (2014)

  Anton Corbijn, regista di Control (il biopic su Ian Curtis dei Joy Division) e di The American, torna con La spia – A Most Wanted Man, tratto del romanzo di John Le Carré, Yssa il buono.

Con quest’opera Corbijn ci porta dentro una classica storia di complotto nella Germania del post 11 settembre. L’intreccio vede coinvolto Bachmann, un agente segreto dell’anti-terrorismo con base ad Amburgo, un rispettato accademico musulmano sospettato di legami con Al-Qaeda, una giovane avvocatessa idealista, un losco banchiere britannico e un’astuta agente della CIA.

Leggi tutto

ANNABELLE di John R. Leonetti (2014)

annabelleAnnabelle è il prequel spin-off de L’Evocazione-The Conjuring. La bambola demoniaca era presente nelle prime sequenze del film di James Wan, qui solo nelle vesti di produttore, mentre alla regia di questo nuovo progetto troviamo John R. Leonetti (direttore della fotografia in The Conjuring). La pellicola parla dei fatti precedenti a quelli del film di Wan e vede come protagonisti una giovane coppia felice, Mia e John Form. Mia è incinta e riceve dal marito una bellissima bambola vintage. Durante una notte terrificante essi rimangono vittime di un’aggressione da parte di una coppia di psicopatici appartenenti ad una setta satanica. Il sangue della donna omicida scivola nell’occhio della bambola e il gioco è fatto: verrà così posseduta da un’entità terribilmente malvagia, che travolgerà e minaccerà la vita dei due coniugi.

Leggi tutto

LA BUCA di Daniele Ciprì (2014)

Dopo l’esordio da solista di E’ stato il figlio, Daniele Ciprì torna con una commedia purissima, La buca, ispirandosi a quella nostrana degli anni sessanta (Mario Monicelli, Dino Risi) e a quella americana (Lubitsch, Capra, Billy Wilder e Blake Edwards). Il film è la storia di una involontaria amicizia tra Oscar (Sergio Castellitto), avvocato fallito e senza scrupoli, e Armando (Rocco Papaleo), ex detenuto che ha scontato venticinque anni di carcere per un reato non commesso, mantenendo, nonostante la profonda ingiustizia subita, una bontà d’animo impeccabile.

Leggi tutto

KARAOKE GIRL di Visra Vichit-Vadakan (2013)

 Karaoke Girl, presentato in concorso al 31° Torino Film Festival è il ritratto di Sa (interpretata da se stessa) una ragazza che si è trasferita dalla campagna di Bangkok per cercare un lavoro per sostenere la famiglia schiacciata dai debiti e della povertà. Dopo qualche anno di lavoro in fabbrica decide di lavorare in un karaoke, il cui intrattenimento dei clienti va oltre l’interpretazione di qualche canzone.

Leggi tutto

THE ACT OF KILLING di Joshua Oppenheimer (2012)

“Facts, per se, do not constitute truth.”  Werner Herzog

The Act of Killing è stato uno dei film più importanti presentati nella sezione “Outsiders” del MFF. Il film ha ricevuto già vari riconoscimenti, come il premio della Giuria ecumenica al Festival di Berlino, e quello per la migliore produzione internazionale al Biografilm Festival.

Nel 1965, un tentato golpe andato male segna la fine del presidente riformatore Sukarno e il partito comunista indonesiano si trasforma nella mente di molti da forza di massa del potere del popolo a simbolo di male. In meno di un anno chiunque si opponga alla dittatura militare viene accusato di comunismo e trucidato con l’appoggio della gioventù di Pancasila. Ci furono più di un milione di vittime, molte delle quali uccise da Anwar Congo. Eppure, nonostante questo, Anwar Congo in Indonesia è considerato un eroe nazionale e tutti coloro che hanno partecipato al massacro ricoprono ruoli di potere.

Leggi tutto

A BAND CALLED DEATH di Mark Christopher Covino e Jeff Howlett (2012)

“Before Bad Brains,

The Sex Pistol or even the Ramones,

there was a band called Death”

 

Presentato in anteprima nella sezione “Outsiders”, A Band Called Death, girato da Mark Covino e Jeff Howlett, è la storia di una band fondata nel 1971 a Detroit dai fratelli Bobby, David and Dannis Hackney.

A causa di grossi problemi con le case discografiche per via del nome del gruppo, furono costretti a sciogliersi ancora prima di completare il loro album. Grazie alla riscoperta, in anni ben più recenti, di un demo che diventa culto, alla ricerca dei collezionisti e alla condivisione in rete, riescono ad ottenere il meritato successo.

Leggi tutto

LE STREGHE DI SALEM di Rob Zombie (2012)

“On the rare occasion, a special child appears”.

 

Presentato in anteprima al Torino Film Festival nella sezione Rapporto Confidenziale, Le streghe di Salem di Rob Zombie, uno dei titoli più attesi dell’anno, arriva finalmente nelle nostre sale.

Il film è un progetto che il regista desiderava realizzare da tempo: fortunatamente questa volta ha avuto piena libertà d’ azione rispetto ai vincoli dei suoi precedenti film, Halloween – The Beginning e Halloween II. Le aspettative erano altissime e sono state ampiamente soddisfatte.

 

Leggi tutto

V/H/S di Adam Wingard, David Bruckner, Ti West, Glenn McQuaid, Joe Swanberg, Radio Silence (2012)

 V/h/s, presentato nella sezione Rapporto Confidenziale del trentesimo Torino Film Festival, era uno dei film più attesi dai molti fan del cinema horror. La pellicola, divisa in sei episodi, è nata con l’idea di omaggiare il cinema horror degli anni ’80 e ’90.

Un gruppetto di teppistelli viene assunto da un misterioso committente per introdursi in una casa abbandonata e rubare alcuni nastri rari. Nel corso della missione trovano il cadavere di un uomo in una stanza con un televisore e una quantità enorme di videotapes.

Leggi tutto

IMOGENE di Robert Pulcini e Shari Springer Berman (2012)

Robert Pulcini e Shari Springer Berman ritornano al Torino Film Festival con il loro ultimo film Imogene, dopo aver presentato nel 2003 American Splendor.

Kristen Carol Wiig, dopo il successo di Bridesmaids e Friends With Kids, questa volta vestirà i panni di una sensibile commediografa, Imogene, che decide di inscenare un suicidio per attirare l’attenzione dell’ex fidanzato. Ma il tentativo fallisce e viene messa sotto custodia dalla madre esuberante e un po’ adolescenziale, Zelda, interpretata da Annette Benning. Lasciata la grande mela e gli “amici” tornerà alla vita provinciale nella casa di famiglia nel Jersey Shore.

Leggi tutto

THE LORDS OF SALEM di Rob Zombie

“On the rare occasion, a special child appears”.

 

Presentato in anteprima al TFF nella sezione Rapporto Confidenziale, The Lords Of Salem di Rob Zombie è stato uno dei film più attesi dell’anno.

Il film è un progetto che il regista desiderava realizzare da tempo: fortunatamente questa volta ha avuto piena libertà d’ azione rispetto ai vincoli dei suoi precedenti film, Halloween – The Beginning e Halloween II. Le aspettative erano altissime e sono state ampiamente soddisfatte. Leggi tutto

MARLEY di Kevin MacDonald (2012)

None but ourselves can free our mind.
Wo! Have no fear for atomic energy,
‘Cause none of them-a can-a stop-a the time.
How long shall they kill our prophets,
While we stand aside and look?
Yes, some say it’s just a part of it:
We’ve got to fulfil de book.
Won’t you help to sing
Dese songs of freedom? –
‘Cause all I ever had:
Redemption songs –
All I ever had:
Redemption songs:
These songs of freedom,
Songs of freedom

 

(Redemption SongBob Marley)

 

 

 

Leggi tutto

ROMAN POLANSKI: A FILM MEMOIR di Laurent Bouzereau (2012)


Roman Polanski, intervistato dall’amico e produttore Andrew Braunsberg, concede un documentario sulla sua vita. L’opera è realizzata nella casa del regista a Zurigo, mentre si trova agli arresti domiciliari, dopo il clamoroso “fermo” al Festival del cinema, dove si era recato per ritirare il premio alla carriera.

Si parte dal periodo dell’ infanzia, nel ghetto di Varsavia, con il primo grande dolore di Roman: la morte della madre ad Auschwitz. Mentre ci racconta il terribile incubo della persecuzione e la morte della madre, scorrono le immagini de Il pianista. Si scopre così che molte sequenze del film riprendono fatti personali realmente accaduti. E proprio queste strazianti memorie suscitano in lui una commozione intensa e struggente. Non stupisce, perciò, il fatto che tra tutti i suoi film, se dovesse scegliere, Il pianista è quello a cui è più legato e per cui vorrebbe essere ricordato.

 

 

Leggi tutto

LA FUGA DI MARTHA di Sean Durkin (2011)

48555

 

La fuga di Martha, opera prima del regista statunitense Sean Durkin, sì è aggiudicata il premio per la miglior regia alla ventisettesima edizione del Sundance Film Festival.

Il film parla di una ragazza, Martha, che fugge da una comunità religiosa dove ha subito ogni tipo di violenza fisica e psicologica. La ragazza si rifugia dalla sorella, ma i traumi subiti e i terribili ricordi le creano problemi psicologici, impedendole di (ri)cominciare a vivere.

 

 

 

 

Leggi tutto

BELLISSIMA di Luchino Visconti (1951)

Bellissima" di Luchino Visconti - Il sogno di elevarsi

Bellissima è il terzo lungometraggio viscontiano. È completamente costruito attorno al personaggio di Maddalena Cecconi, una popolana del Prenestino, interpretata da Anna Magnani, una delle più grandi attrici italiane.

Quando Maddalena viene a sapere, attraverso un annuncio radiofonico, che la Casa di produzione Stella Film bandisce un concorso tra le bimbe di Roma per l’interpretazione di un nuovo film del regista Alessandro Blasetti, porta a Cinecittà per le selezioni la figlia Maria.

 

 

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial