Il pagellone del Far East Film Festival 2022: i voti e le recensioni

feff

Giunti alla fine del nostro speciale sul Far East Film Festival, non possiamo che fare il punto della situazione con una panoramica generale dei film che abbiamo visto (in presenza o online). Al di là dei premi assegnati al FEFF24, possiamo dire che è stata un’edizione di buona qualità, con un altissimo numero di film davvero interessanti e notevoli. Un’edizione che è tornata alla storica cornice del Teatro Nuovo Giovanni da Udine e ha visto la presenza di 40mila spettatori, senza tralasciare la componente in streaming che ha concesso a 10mila persone di collegarsi da 24 nazioni. Nonostante la mancata presenza di Takeshi Kitano, che ha dato forfait all’ultimo (ma ha “ritirato” il premio alla carriera in forma virtuale), è stata indimenticabile, confermandosi uno dei festival più belli d’Italia per la sua atmosfera speciale e l’attaccamento al film di genere che non disdegna i titoli d’autore. Ecco tutti i nostri voti, con i link alle recensioni. L’appuntamento è per il 2023, dal 21 al 29 aprile.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di One Day, You Will Reach the Sea

Raccontare l’elaborazione del lutto e la nostalgia per sentimenti inespressi non è cosa facile, specialmente considerando quanto il cinema abbia percorso queste strade già innumerevoli volte. Per questo appare ancora davvero preziosa l’opera di Nakagawa Ryutaro One Day, You Will Reach the Sea, ennesima dimostrazione del periodo roseo che sta vivendo il cinema giapponese più intimo ed esistenziale. Si tratta probabilmente di uno dei film più belli e intensi passati al 24esimo Far East Film Festival di Udine.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di The Killer

 

Avete presente la classica storia del sicario infallibile e sanguinario che quando incontra sulla sua strada un innocente (solitamente bambino/a o adolescente) trova la via della redenzione, scopre la pietà e tira fuori tutta la sua umanità? Ecco, il protagonista di The Killer, interpretato da Jang Hyuk (al Far East Film Festival anche con Tomb of the River) NON appartiene a questa categoria.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Kingmaker

Il cinema torna a indagare il lato sporco della politica con Kingmaker di Byun Sung-hyun, senza dubbio uno dei film più efficaci e forti del Far East Film Festival 2022 dov’è è stato incoronato del MyMovies Award, il premio della sezione online. Si tratta della versione romanzata di una storia vera, le elezioni in Corea del Sud nel 1971. I nomi sono stati modificati e la storia di Kim Dae-jung, candidato battuto dal presidente Park Chung-hee che instaurò poi definitivamente una dittatura, rivive nel personaggio di Kim Woon-bum (Sul Kyung-gu). Il vero protagonista è però Seo Chang-dae (Lee Sun-kyun), lo stratega dietro la campagna elettorale che attua una serie di tattiche sempre più discutibili per far sì che la democrazia trionfi su un regime corrotto e marcio.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Caught in Time

caught-in-time

La storia vera del più feroce rapinatore di sempre in Cina è la fonte di ispirazione di Caught in Time, decisamente uno dei film più adrenalinici visti nell’edizione 2022 del Far East Film Festival, a riprova dell’ottimo stato di salute del cinema action asiatico. L’ambientazione – anni 90 – è in diverse città cinesi, ma lo stile è quello di Hong Kong, che co-produce ed è la madrepatria del regista Lau Ho-leung qui all’opera seconda, per raccontare la lotta senza quartiere tra la banda dell’astutissimo quanto spietato Falcon Zhang (l’attore americano Daniel Wu) e la squadra di agenti guidata dal veterano capitano di polizia Zhong Cheng (Wang Qianyuan).

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Miracle: Letters to the President

miracle 

Il pubblico del Far East Film Festival 2022 ha deciso di consacrare con il primo premio Miracle: Letters to the President, tragicommedia sucoreana firmata da Lee Jang-hoo ad alto tasso di zuccheri ed emozioni. La storia ruota intorno a un giovane genio della matematica, che lotta con tutte le sue forze per far costruire una stazione ferroviaria nel suo isolatissimo paesino. Per anni invia lettere al presidente coreano affinché assecondi la sua richiesta (da qui il titolo) ma sarà la sua ostinazione e la sua intelligenza a portarlo a realizzare se stesso e i suoi sogni.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, i premi

feff-2022

Si conclude il 30 aprile la 24esima edizione del Far East Festival (di cui continueremo a parlarvi con le recensioni dei film). Un’annata che ha visto il ritorno al Teatro Nuovo di Udine e le folle dei vecchi tempi, penalizzata dall’incidente di percorso di Takeshi Kitano – che non è riuscito a venire ma ha comunque ricevuto il Gelso d’Oro alla carriera in videocollegamento – ma complessivamente positiva, con un bel programma ricchissimo e decisamente variegato. Ecco i premi, assegnati dalla valutazione del pubblico presente.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Hostage: Missing Celebrity

Hwang Jung-min è un celebre attore coreano (visto ad esempio negli splendidi New World e Deliver Us From Evil, entrambi passati gli scorsi anni al Far East Film festival), che in Hostage: Missing Celebrity interpreta… se stesso, protagonista di una drammatica situazione che ci auguriamo non debba mai capitare veramente all’interprete. Tranquillo antidivo, viene rapito da una banda di brutali sequestratori, che già tengono in ostaggio una ragazza e mirano a ottenere un ricco riscatto. La gang, guidata da un boss di rara crudeltà, deve però fare i conti con la tenacia (e la capacità recitativa) di Hwang, che tenta la fuga in una susseguirsi di peripezie e colpi di scena.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Reroute

reroute

Nei film “lasciare la via vecchia per la nuova” significa che le cose andranno male. Malissimo. I proverbi esprimono una saggezza popolare antica che nel cinema diventano regole implacabili applicate con precisione chirurgica. Per questo intuiamo in anticipo che, la deviazione forzata che costringe i protagonisti di Reroute a cercare una strada alternativa per raggiungere la loro meta non porterà nulla di buono. Soprattutto quando la loro macchina si fermerà in una proprietà privata gestita dall’inquietante Gemo, ex militare che solo in un primo momento si offrirà di aiutarli.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Finding Bliss: Fire and Ice

finding bliss

La ricerca della felicità passa anche attraverso l’incontro di culture diverse? Questo è l’interrogativo alla base del documentario diretto da Kim Chan e Dee Lam su di un progetto pensato dall’attrice e cantante Josie Ho. L’artista parte da una riflessione su come Hong Kong sia cambiata dal 1997 (anno dell’handover) ad oggi, di come si stia lentamente perdendo l’influenza britannica (anche nell’uso della lingua inglese) portando ad una chiusura culturale e di mentalità, di come il prezzo della vita sia schizzato alle stelle e le prospettive per il futuro si facciano sempre più grigie.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Leonor Will Never Die

leonor.will.never-die

Leonor è un’anziana sceneggiatrice a cui mai si è spenta la passione per gli action filippini degli anni ‘80. Un concorso per sceneggiatori le da la possibilità di terminare uno script da anni lasciato incompleto, un film a cui tiene molto legato a un evento doloroso della sua vita. Ma mentre si trova in pausa dalla scrittura un televisore caduto da una finestra la colpisce in testa mandandola in coma.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di One for the Road

one-for-the-road

Tornato a Bangkok dopo aver vissuto per anni a New York, Aood (Ice Natara) ha scoperto di avere la leucemia allo stadio terminale. Richiama perciò il suo migliore amico Boss (Tor Thanapob), rimasto nella Grande Mela dove è un bartender di successo, per farsi accompagnare in un ultimo viaggio: comincia così un lungo itinerario attraverso la Thailandia per il commiato tra Aood e le sue ex fidanzate, su una Bmw coupé d’annata e con in sottofondo una colonna sonora che va da Elton John ai Rolling Stones e Cat Stevens.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Rabid

rabid

Una famiglia accoglie una mendicante in casa in pieno lockdown. Un uomo cerca di salvare la moglie da una strana malattia che l’ha colpita. Una giovane infermiera è perseguitata da una anziana paziente. Una madre disoccupata si reinventa come foodblogger ma le persone diventano letteralmente pazze per le sue ricette.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022, la recensione di Popran

popran

Inventore di un’app dove poter leggere i manga di maggior successo, un giovane imprenditore sembra aver ottenuto tutto dalla vita anche a costo di importanti sacrifici. Una mattina però si sveglia misteriosamente senza più il pene. Che le leggende metropolitane che si stanno diffondendo in quei giorni siano vere? Per scoprirlo dovrà intraprendere un viaggio a ritroso nel suo passato per venire a patti con i suoi errori e riacciuffare la virilità perduta.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Metro Manila

metromanila

Impossibilitato a guadagnare abbastanza per sfamare la sua famiglia, Oskar decide di trasferirsi a Manila e provare a trovare un lavoro nella grande città. Nonostante le prime difficoltà viene assunto come autista di un portavalori e stringe un buon rapporto di amicizia con il suo collega più anziano. Ma in una metropoli anche l’amicizia può avere un costo molto alto.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Noise

 

noise

Una piccola comunità isolana sta rifiorendo grazie alla coltivazione di fichi neri da parte di un giovane agricoltore che con la sua azienda contribuisce a candidare il suo piccolo paese per degli stanziamenti statali importanti. La morte di un assassino psicopatico rischia però di buttare al vento anni di sacrifici.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Cracked

cracked

Ruja è costretta dopo tanti anni a tornare in Thailandia per curare la vendita dei quadri lasciati dal padre, artista morto suicida. I quadri hanno enorme valore e Ruja ha bisogno dei soldi per far operare la figlia affetta da una malattia agli occhi che la renderà cieca. Ma quei dipinti nascondono per la donna anche i ricordi di un passato terribile.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Citizen K

citizen k

Takeshi Kitano è universalmente riconosciuto come uno dei registi più importanti e significativi del cinema mondiale degli ultimi quarant’anni. Il documentario di Yves Montmayeur non soltanto ne celebra la carriera ma ne ripercorre i passi cercando di raccontare al pubblico un grande artista diviso tra il suo alter ego comico, Beat Takeshi (questo il nome da lui scelto durante la sua carriera nel teatro manzai) e il Kitano attore e regista drammatico.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di My Small Land

 

my-small-land

Sarya, ottima studentessa prossima a entrare all’università, vive in Giappone da quando aveva cinque anni. Dice a tutti di essere tedesca, ma in realtà è curda, vive con il padre, la sorella e il fratellino ed è alla ricerca di una sua identità, febbrilmente sospesa tra il senso di appartenenza della sua famiglia d’origine e la sua voglia di essere pienamente accettata come una cittadina giapponese. Quando al padre viene negato il diritto di asilo come rifugiato (con successiva detenzione), il mondo crolla intorno a Sarya e ai suoi famigliari, improvvisamente alle prese con lo status di immigrati irregolari, senza la possibilità di lavorare.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Tomb of the River

tomb of the river

Non può esserci Far East Film Festival senza gangster movie. Un tempo il genere era dominio da Hong Kong, oggi (con il cinema dell’ex colonia purtroppo in crisi evidente) sono i sudcoreani ad aver raccolto il testimone con un’ampia produzione che non lesina violenza, nichilismo e tutti i cliché adorati dagli estimatori del genere. Nell’edizione 24 del FEFF l’immancabile film di mafia è Tomb of the River diretto da Yoon Young-bin e presentato come uno dei più attesi del festival.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Perhaps Love

perhaps-love

Uno scrittore in stallo creativo è il centro nevralgico di questa commedia dolceamara sudcoreana in concorso al Far East Film Festival 2022. Attorno a Hyun, autore idolatrato ma in crisi di mezz’età e con la sindrome della pagina bianca, Perhaps Love costruisce una girandola di personaggi e situazioni che oscillano dall’umoristico al malinconico: c’è un giovane autore in erba che propone a Hyun il suo romanzo ed è esplicitamente innamorato di lui, l’ex moglie impegnata in una storia clandestina con il suo migliore amico nonché editore, la moglie attuale che non torna dall’estero, il figlio adolescente che s’invaghisce di una vicina di casa giocherellona ma molto più grande di lui.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Too Cool To Kill

too-cool-to-kill

Tra gli ultimi film presentati nella versione “fisica” al Far East Film Festival 2022 di Udine e terzo classificato tra i premiati (oltre che vincitore del premio all’opera prima), Too Cool to Kill è semplicemente una delle cose più divertenti che ci sia capitato di vedere da un po’ di anni a questa parte. Remake del giapponese The Magic Hour, è una specie di favola comica sulla soglia del demenziale che è anche una dichiarazione d’amore al cinema così accorata da essere quasi commovente. 

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: la recensione di Special Delivery

special-delivery

“A Female Baby Driver in Korea” si legge sul programma del Far East Film Festival 2022 riguardo a Special Delivery, che parte un po’ in sordina e pian piano diventa un godibilissimo action-thriller con scene di inseguimenti e scontri fisici davvero mozzafiato. La tagline cita il Baby Driver di Edgar Wright ma potremmo pensare a tutto quel filone di noir o road movie con piloti malinconico-taciturni e al contempo spericolati (rivisitato splendidamente in Drive), contaminato però con Gloria di John Cassavetes.

Leggi tutto

Far East Film Festival 2022: ecco il programma

feff-2022

Con 42 film in competizione e 30 fuori concorso, torna il Far East Film Festival di Udine, tradizionale appuntamento con il cinema dell’estremo oriente che per gli appassionati è una delle rassegne cinematografiche più belle d’Italia e non solo. L’appuntamento è dal 22 al 30 aprile nella città friulana, in doppia location (Teatro Nuovo Giovanni da Udine e Cinema Visionario). Dei 72 film presentati, 28 sono disponibili anche online su MyMovies. La stella della manifestazione è Takeshi Kitano, ospite speciale premiato col Gelso d’Oro alla carriera.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial