VENEZIA 2017: THE PRINCE AND THE DYBBUK di Elwira Niewiera, Piotr Rosolowski

prince-dybbuk

Presentato a Venezia Classici alla 74esima Mostra del Cinema, The Prince and the Dybbuk è un documentario dei registi Piotr Rosolowski ed Elwira Niewiera che indaga in profondità sulla figura sfuggente, a molti misconosciuta, di Michal Waszynski, regista e sceneggiatore e polacco che, dopo una prolifica carriera in madrepatria, produsse alcuni kolossal hollywoodiani (tra cui il costosissimo La caduta dell’impero romano). Partendo dalla morte a Madrid nel 1965, con sepoltura a Roma nella tomba della famiglia che lo aveva “adottato”, il film va a scoprire la sua multiforme personalità e la sua vita complessa: perché Waszynski, che nella Capitale si proclamava un principe in autoesilio, si chiamava in realtà Mosze Waks ed era un ebreo di origine ucraina convertitosi al cattolicesimo.

Leggi tutto

VENEZIA 2017: UNA FAMIGLIA di Sebastiano Riso

Una famiglia di Sebastiano Riso: Il “mostro” del film, Patrick Bruel, da  giovane era un cantante di disco-music | Gazzetta dal Tacco

Periferia di Roma: Maria (Micaela Ramazzotti) è una ragazza psicologicamente instabile costretta a sottomettersi al volere del compagno Vincenzo (Patrick Bruel), individuo deplorevole che si serve della donna come incubatrice per mantenere vivo il proprio mercato illegale di neonati.

Leggi tutto

VENEZIA 2017: MOTHER di Darren Aronofsky

mother2

“Comincerò dall’apocalisse”, è una delle tante frasi con chiari riferimenti biblici pronunciate in mother!, così come “voglio creare il mio paradiso”. Il film si presenta come un dramma con tanto di sottotracce thriller e horror, una sorta di Armageddon ciclico dove fine e inizio convergono nello stesso punto. Scritto in 5 giorni, a differenza di Dio che ce ne mise 7 per creare l’universo, secondo la Bibbia, Darren Aronofsky porta a termine il suo settimo lungometraggio mantenendo una sottile linea conduttrice che ricollega concetti espressi precedentemente in Pi-Greco il teorema del delirio e The Fountain – L’albero della vita. Tematiche e allegorie puramente esoteriche e religiose.

Leggi tutto

VENEZIA 2017: AMMORE E MALAVITA dei Manetti Bros.

morelli-e-rossi-ammore-e-malavita

Napoli: il sicario Ciro (Giampaolo Morelli), killer spietato al servizio di don Vincenzo (Carlo Buccirosso), viene incaricato di mettere a tacere una giovane infermiera (Serena Rossi) trovatasi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Ma quando la ragazza in questione si scopre essere Fatima, grande amore di gioventù dello stesso Ciro, i rapporti con la famiglia camorrista si incrinano inesorabilmente.

Leggi tutto

JIM & ANDY: THE GREAT BEYOND – FEATURING A VERY SPECIAL, CONTRACTUALLY OBLIGATED MENTION OF TONY CLIFTON di Chris Smith (2017)

Crítica | Jim & Andy: The Great Beyond - Plano Crítico

Disponibile su Netflix

Per quanto curiosamente lungo, non potrebbe esistere titolo più appropriato per esprimere il contenuto e l’essenza del documentario che Chris Smith dedica alla realizzazione di Man on the moon di Miloš  Forman, film del 1999 incentrato sulla figura del comico Andy Kaufman, e al suo protagonista: Jim Carrey

Leggi tutto

VENEZIA 2017: THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI di Martin McDonagh

Tre manifesti a Ebbing Missouri - Fondazione Stensen

Ebbing, Missouri: Mildred Hayes (Frances McDormand) non si rassegna al fatto che l’assassino e stupratore della figlia non sia ancora stato individuato e arrestato. La donna decide dunque di farsi giustizia da sola, affiggendo su tre enormi cartelloni pubblicitari una serie di poster che dichiarano apertamente guerra all’inefficienza della polizia e al suo capo, lo sceriffo Bill Willoughby (Woody Harrelson).

Leggi tutto

VENEZIA 2017: THE LEISURE SEEKER di Paolo Virzì

leisure-keeper

A un anno da La pazza gioia e al culmine di una carriera che l’ha reso uno dei più importanti registi del panorama italiano, Paolo Virzì spicca finalmente il salto e sbarca negli Usa con la sua prima pellicola internazionale e in lingua inglese (seppur di produzione italo-francese), che per giunta si giova della presenza di due star straordinarie come Helen Mirren e Donald Sutherland. The Leisure Seeker, in concorso alla Mostra di Venezia 2017, prende il titolo dallo scalcinato camper Winnebago del ’75 a bordo del quale i coniugi ottantenni Ella e John compiono il loro bizzarro ultimo viaggio verso la Florida e la casa di Ernest Hemingway, in una commedia dolceamara sospesa tra allegrezza e malinconia. 

Leggi tutto

VENEZIA 2017: DIVA! di Francesco Patierno

Diva

DIVA! è il documentario tutto al femminile di Francesco Patierno, opera fuori concorso che partecipa alla quarta edizione dello Starlight International Award, premio collaterale della 74ma edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. L’opera, tratta da Quanti sono i domani passati a cura di Enrico Rotelli libro autobiografico, racconta la vita privata, pubblica e professionale di un’artista, una grande attrice del teatro e del cinema a livello mondiale, Valentina Cortese, divenuta un mito. A raccontarci la sua storia, interpretando le sue stesse parole e rivolgendosi direttamente al pubblico, si alternano alcune tra le più belle e brave attrici italiane: Barbora Bobulova, Anita Caprioli, Carolina Crescentini, Silvia D’Amico, Isabella Ferrari, Anna Foglietta, Carlotta Natoli e Greta Scarano.

Leggi tutto

VENEZIA 2017: FOXTROT di Samuel Maoz

 

Difficile fare un film quando il tuo primo lungometraggio di finzione ha vinto il Leone d’Oro. Così, dal 2009 di Lebanon a oggi, il regista israeliano Samuel Maoz si è preso una lunga pausa (intervallata solo dal corto Manybuy e da un segmento di Venice 70: Future Reloaded) prima di tornare con Foxtrot, gioiellino di un concorso che alla 74esima Mostra di Venezia si sta confermando il migliore da alcuni anni a questa parte. Film rigorosamente ripartito in tre atti che mescola tragedia e commedia surreale, dramma borghese e war movie, la pellicola è una potente riflessione sul presente e sul passato di Israele, sulle contraddizioni di una Nazione i cui abitanti devono fare i conti con traumi irrisolti che hanno segnato tre generazioni.

Leggi tutto

VENEZIA 2017: SUBURBICON di George Clooney

Suburbicon

Stati Uniti, fine anni ’50: Suburbicon è un'”idilliaca” cittadina popolata esclusivamente da bianchi e bigotti. Il trasferimento di una famiglia di colore e la tragica morte di una donna giungono però a portare scompiglio fra gli abitanti, rivelandone la sino a quel momento celata mostruosità.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial