Sguardi Altrove 2019: LAS NIÑAS BIEN di Alejandra Márquez Abella – La recensione

RESEÑA 'Las niñas bien': película de Alejandra Márquez Abella basada en el  libro de Guadalupe Loaeza | Actitudfem

Las Niñas Bien è il secondo lungometraggio fiction della regista messicana Alejandra Márquez Abella, presentato al Film Festival di Toronto e alla Festa del Cinema di Roma nel 2018 prima di sbarcare a Sguardi Altrove 2019. Sceneggiatura tratta dall’adattamento del libro omonimo di Guadalupe Loaeza, il film narra la storia di un gruppo di donne della ricca borghesia messicana prima e durante la crisi economica del 1982, dove le apparenze contano più della vita reale.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: THE PORT di Aleksandra Strelyanaya – La recensione

The Port (2018) | MUBI

Due giovani portuali vedono nella boxe la speranza di un guadagno facile e la possibilità fuga da una vita dura: uno dei due è un pugile dal pugno micidiale, l’altro, sregolato e fanatico delle Tartarughe Ninja, vuole fargli da manager. Il duo resta però coinvolto in un torbido giro di incontri in un locale malfamato, mentre l’aspirante boxeur s’invaghisce della figlia del suo allenatore, rimasta invalida dopo un incidente. The Port, diretto dalla regista Aleksandra Strelyanaya e presentato in concorso a Sguardi Altrove Film Festival, è una cruda rappresentazione della Russia contemporanea e dei suoi ambienti più underground, marginali e disagiati.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: LA CITTÀ CHE CURA di Erika Rossi – La recensione

La città che cura esce al cinema - Incandenza film

Il documentario italiano continua a fornire proposte interessanti, come nel caso di La città che cura, presentato nella sezione Frame Italia di Sguardi Altrove Film Festival. Diretto dalla regista Erika Rossi, il film (in tour in una selezione di sale italiane) ritrae un caso di eccellenza lodevole quanto misconosciuto del servizio sanitario italiano: quella delle Microaree di Trieste, enti eredi dell’idea di cura basagliana che operano nel capoluogo friulano in aree periferiche particolarmente disagiate e ad alta densità abitativa, fornendo assistenza quotidiana a malati, anziani e bisognosi. Il doc mostra in particolare la Microarea di Ponziana, seguendo a distanza ravvicinata l’operatrice Monica Ghiretti e tre pazienti con esigenze diverse: Plinio, un anziano pianista che non vuole uscire di casa, Roberto, provato dagli effetti di un grave ictus, e Maurizio, alle prese con le conseguenze di una vita di eccessi.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: VIRGINS di Keren Ben Rafael – La recensione

Keren Ben Rafael talks through her creative process in making Jerusalem  title 'Virgins' | Features | Screen

La sonnolenta cittadina costiera di Kiryat Yam è come una prigione per Lana (Joy Rieger), adolescente annoiata e insofferente che sogna di fuggire a Tel Aviv. La madre Irena (Evgenia Dodina) manda avanti un bar sulla spiaggia costantemente deserto e Lana deve badare controvoglia alla cuginetta Tamar (Manuel Elkaslassy). All’arrivo di un affascinante poeta e giornalista (Michael Aloni), però, uno scherzo della ragazza sconvolgerà la vita della località balneare e dei suoi abitanti, che improvvisamente si metteranno alla ricerca di una fantomatica e meravigliosa sirena.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: MON TISSU PREFERE di Gaya Jiji – La recensione

Mon Tissu Préféré (Film, 2018) - MovieMeter.nl

Dopo il passaggio nella sezione Un Certain Regard a Cannes 2018, arriva a Sguardi Altrove Film Festival Mon tissu préferé, opera prima della regista siriana (ma residente in Francia) Gaya Jiji. Siamo nella Damasco della primavera 2011, alla vigilia della guerra civile e Nahla (Manal Issa) è una giovane irrequieta e insoddisfatta di 25 anni. Mentre l’atmosfera politica si surriscalda e sulla città si stende l’ombra del conflitto, per la ragazza e la sua famiglia si profila la possibilità di trasferirsi negli Stati Uniti. Quando però Samir (Saad Lostan), il connazionale arrivato dagli Usa per fidanzarsi con lei, le preferisce la sorella Myriam (Mariah Tannoury), Nahla inizia a frequentare il postribolo nascosto nell’appartamento della vicina di casa Madale Jili (Ula Tabari), un luogo proibito che la affascina e le regala una parvenza di libertà.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: THOU SHALT NOT KILL di Catalin Rotaru e Gabi Virginia Sarga – La recensione

THOU SHALT NOT KILL - Indie Sales

Tra le anteprime italiane a Sguardi Altrove Film Festival c’è Thou Shalt Not Kill: opera prima delle registe rumene Catalin Rotaru e Gabi Virginia Sarga e sceneggiato dalle stesse, si ispira a uno scandalo mediatico sulla corruzione e la malasanità in un ospedale pubblico, realmente accaduto in Romania. Presentato all’Indie Lisboa International Indipendent Film Festival del 2019, ha vinto lo Special Jury Award.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: JAWLINE di Lisa Mandelup – La recensione

The Doc Life: 'Jawline' Director Liza Mandelup on Working with Your Main  Character - Film Independent

Tra i lungometraggi più attesi a Sguardi Altrove 2019, c’è l’anteprima europea di Jawline, opera prima della regista americana Lisa Mandelup che per questo film è stata premiata al Sundance Film Festival 2019 con lo US Documentary Special Jury Award for Emerging FilmMaker: il documentario segue il sedicenne Austyn Tester, stella nascente dei social media tra le ragazzine, in fuga da un’esistenza senza via d’uscita nel rurale Tennessee.

Leggi tutto

Sguardi Altrove 2019: BECOMING ASTRID di Pernille Fischer Christensen – La recensione

NFF8: Becoming Astrid, recensione del film sulla vita dell'autrice svedese  Astrid Lindgren | Spettacolo.eu

Biopic drammatico sugli anni giovanili della scrittrice Astrid Lindgren, diretto dalla regista danese Pernille Fischer Christensen e co-sceneggiato dalla stessa insieme a Kim Fupz Aakeson, Becoming Astrid sbarca in anteprima italiana come film d’apertura di Sguardi Altrove Film Festival, dopo essere stato presentato alla Berlinale Special 2018.

Il film è ambientato in Svezia negli anni ’20 e racconta la storia di emancipazione, tutta al femminile, della giovane autrice di Pippi Calzelunghe, importante protagonista nel panorama della letteratura per bambini del Novecento. La giovane Astrid (Alba August), anticonformista e insofferente alle convenzioni della piccola comunità religiosa in cui è cresciuta, crea il suo sofferto e originale percorso di crescita, come scrittrice e madre single.

Film coinvolgente e ben confezionato e, supportato da una sceneggiatura solida e convincente, mantiene un buon ritmo per l’intera durata. Notevole l’interpretazione della giovane Alba August/Astrid, che convince in tutte le tappe del suo doloroso percorso di crescita, per arrivare a essere quella scrittrice poi così amata dai bambini, in virtù del fatto che lei stessa da giovane, lasciata sola, aveva dovuto imparare ad affrontare con originalità e coraggio le proprie paure. Il film affronta tematiche ancora oggi attualissime per una giovane donna: come imparare a coniugare la propria affettività viscerale e la propria creatività, utilizzandole come spinte propulsive verso l’indipendenza e l’autonomia.

La regista, sullo spunto della storia della celebre scrittrice, offre un’occasione di riflessione anche sul diverso trattamento nell’educazione dell’identità di genere: significativa la scelta del taglio di capelli a caschetto (bubikopf), il look della “nuova donna” emancipata degli anni ‘20, che delinea la rottura di Astrid con il conformismo e le regole bigotte e discriminanti della famiglia e della piccola comunità d’origine.

Voto: 2,5/4

Sguardi Altrove 2019, il programma completo

 

È disponibile il programma completo di Sguardi Altrove Film Festival 2019, la manifestazione dedicata al cinema al femminile giunta alla sua 26esma edizione, che si terrà a Milano dal 13 al 21 giugno. La location centrale è il Teatro Parenti, cui si aggiungono altri spazi (Cinemino, Wanted Cinema, Après-Coup, con un’estensione nel comune di Rho). “Bellezza e coraggio: plurale femminile contemporaneo” è il titolo dell’edizione, che mescola proiezioni, incontri ed eventi. Il cuore del Festival sono le due sezioni competitive: “Nuovi Sguardi”, concorso internazionale lungometraggi e documentari rivolto principalmente a opere in anteprima italiana o internazionale, riservato alla regia femminile, e “Sguardi (S) confinati”,  riservato ai cortometraggi internazionali dedicato alle giovani autrici under 35. Si punta l’attenzione su guerre vicine e lontane, sull’immigrazione, ma anche su vicende familiari, o eccentriche storie personali alla ricerca di identità e stabilita fisica ed emotiva.

Leggi tutto

Sguardi altrove 2019, a Milano dal 13 al 21 giugno: le anticipazioni
 
Torna Sguardi Altrove Film Festival, la rassegna internazionale dedicata al cinema e ai linguaggi artistici al femminile, la cui edizione numero 26 si terrà dal 13 al 21 giugno a Milano, tra il Teatro Franco Parenti, Il Cinemino, Wanted Clan e e Après-Coup. Il festival mantiene viva la riflessione sulle questioni legate al mondo femminile attraverso il dialogo interculturale e il confronto critico con cinematografie “altre”. Il tema dell’edizione è “Bellezza e coraggio: plurale femminile contemporaneo”, in linea con i due focus principali: “Le Pioniere del Cinema Europeo” (in collaborazione con Ewa Network) che rende omaggio alle prima registe della storia del cinema italiano e europeo, e “Donne e tecnologie. Donne in codice” a cura di Sabina Berra, che prevede oltre a proiezioni, incontri e talk dedicati, un workshop sulla realtà aumentata. Tra le novità di quest’anno, anche l’Omaggio a Agnes Varda, a pochi mesi dalla sua scomparsa (a cura di Patrizia Rappazzo e Floriana Chailly): prima donna a ricevere l’Oscar alla carriera, sarà ricordata attraverso la proiezione di alcuni dei suoi film più significativi e con la presentazione del libro “Agnès Varda. Cinema senza tetto né legge” di Nicola Falcinella.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial