V/H/S di Adam Wingard, David Bruckner, Ti West, Glenn McQuaid, Joe Swanberg, Radio Silence (2012)

 V/h/s, presentato nella sezione Rapporto Confidenziale del trentesimo Torino Film Festival, era uno dei film più attesi dai molti fan del cinema horror. La pellicola, divisa in sei episodi, è nata con l’idea di omaggiare il cinema horror degli anni ’80 e ’90.

Un gruppetto di teppistelli viene assunto da un misterioso committente per introdursi in una casa abbandonata e rubare alcuni nastri rari. Nel corso della missione trovano il cadavere di un uomo in una stanza con un televisore e una quantità enorme di videotapes.

Leggi tutto

L’ULTIMO PASTORE di Marco Bonfanti (2012)

 Il progresso tecnologico è soltanto un bene per l’umanità o ha favorito l’allontanamento dell’uomo dalla natura, rendendoci in qualche modo spiritualmente più poveri? È il dubbio che sembra porci la visione di L’ultimo pastore, documentario di Marco Bonfanti nella sezione Festa mobile del Torino Film Festival. Il giovane regista, al suo primo lungometraggio, ci racconta la storia di Renato Zucchelli, l’ultimo pastore nomade metropolitano. Un uomo d’altri tempi, che ha rinunciato a una vita “normale” per dedicarsi interamente all’allevamento di pecore, spostandosi tra le vallate di montagna e la periferia milanese. Dove, giorno dopo giorno, la città continua a mutare forma e divorare spazi verdi, mentre le persone (i bambini in particolare) sembrano aver perso ogni contatto con la natura.

Leggi tutto

THE HIDE di Marek Losey (2008)

locandina-the-hideNipote del maestro Joseph, Marek Losey (classe 1971) fin da giovanissimo ha iniziato a lavorare come assistente alla regia in video musicali e spettacoli televisivi per cimentarsi poi, nel 2006, nella direzione del cortometraggio Killing Me Softly. The Hide, suo lungometraggio d’esordio, ha partecipato a diversi festival internazionali, tra cui quello di San Paolo in Brasile.

 

<<Il falco assale il coniglio. Il coniglio reagisce>>. Sinteticamente, potrebbe essere così riassunta la tesi sostenuta da Losey in questa serrata e claustrofobica pellicola, in cui i due protagonisti (unici interpreti) si sfidano in un sottile gioco al massacro dove l’equilibrio psichico di ciascuno dei due è messo a dura prova nel momento in cui riaffiorano i fantasmi del passato. La violenza sembra l’unico strumento per “sconfiggere” l’intelligenza. L’astuzia sembra l’unico strumento per “sconfiggere” la violenza. Ma, contro le imprevedibili coincidenze del destino nulla è possibile.

Leggi tutto

NOI NON SIAMO COME JAMES BOND di Mario Balsamo (2012)

Quale uomo nella propria vita non ha mai sognato di essere un agente segreto, impeccabile con tuxedo e sigaretta alla bocca, magari attorniato da donne tanto belle quanto volubili, magari impegnato in missioni ad alto rischio in location esotiche, magari imbattibile al tavolo da gioco del casinò? Probabilmente nessuno. Ed il modello di riferimento in questione corrisponde, senza possibilità di fraintendimento, a James Bond.

Mario Balsamo, affermato documentarista già autore di diversi progetti, cambia prospettiva e, con la sua ultima opera presentata in concorso al trentesimo Torino Film Festival, dove si è aggiudicata il Premio speciale della Giuria, attraverso una sensibile storia di amicizia, mette sullo schermo le divergenze tra la rappresentazione della realtà che ci sottopone la finzione cinematografica e le effettive problematiche della vita di tutti i giorni.

Leggi tutto

30° TORINO FILM FESTIVAL: TUTTI I PREMI

torino film festivalSi chiude il sipario sul 30° Torino Film Festival: un’edizione di ottimo livello, che ha confermato come la kermesse piemontese sia una delle più belle, coraggiose ed eclettiche manifestazioni cinematografiche italiane (e non solo). La Giuria composta da Paolo Sorrentino, Karl Baumgartner, Franco Piersanti, Constantin Popescu, Joana Preiss ha incoronato Shell di Scott Graham il miglior film del festival. Qui di seguito tutti i premi.

Miglior Film: Shell di Scott Graham

Premio speciale della Giuria ex-aequo: Noi non siamo come James Bond di Mario Balsamo, Pavilion di Tim Sutton

Premio per la Miglior Attrice: Aylin Tezel, per il film Am Himmel Der Tag / Breaking Horizons di Pola Beck

Premio per il Miglior Attore: Huntun Batu, per il film Tabun Mahabuda / The First Aggregate di Emyr ap Richard, Darhad Erdenibulag

 


Leggi tutto

SMASHED di James Ponsoldt (2012)

Kate e Charlie, marito e moglie, sono giovani, innamorati e felici. O almeno così sembra: maestra elementare lei, giornalista musicale lui, passano tutte le serate a divertirsi nei locali e con gli amici. E bevono, fino allo sfinimento. Finché Kate capisce che il controllo della sua vita comincia a sfuggirle di mano e decide di partecipare a un incontro di anonimi alcolisti. È solo l’inizio di un percorso lungo e travagliato nel tentativo di uscire dalla spirale del bere, per cui il prezzo da pagare sarà molto alto. Diretto dal regista (nonché critico cinematografico) James Ponsoldt, un figlio del Sundance Film Festival, Smashed sta esattamente a metà tra commedia e dramma. Il film è inserito nella sezione Rapporto confidenziale del 30° Torino Film Festival.

Leggi tutto

FINAL CUT – LADIES AND GENTLEMEN di György Pálfi (2012)

Signore e signori, ecco a voi LA storia d’amore. 

Perfetta.  Definitiva. 

Questo è il risultato raggiunto dal regista ungherese György Pálfi (autore del lungometraggio Hukkle, 2002, vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali, e di Taxidermia, 2006, commedia horror vista a Cannes nella sezione Un Certain Regard e vincitrice dell’Nhk Award al Sundance Film Festival), che presenta al trentesimo TFF, nella sezione Torino XXX, Final Cut – Ladies and Gentlemen. Produce Béla Tarr, celebrato autore di A Torinói ló (Il cavallo di Torino), vincitore dell’Orso d’argento al Festival di Berlino del 2011. 

Leggi tutto

GINGER & ROSA di Sally Potter (2012)

La regista britannica Sally Potter, nota sopratutto per Orlando e con una prolifica benché discontinua carriera alle spalle, torna con il film che chiude la trentesima edizione del Torino Film Festival. Ginger & Rosa è la delicata storia di un’amicizia adolescenziale al femminile. Le due protagoniste che danno il titolo al film sono unite dal destino: nate nella stessa stanza d’ospedale il giorno della bomba su Hiroshima e cresciute insieme come sorelle, si ritrovano teenager ribelli e inseparabili nella Londra del 1962, in un mondo sconvolto dalla paura di una catastrofe nucleare.

Leggi tutto

SHADOW DANCER di James Marsh (2012)

L’Irlanda sembra essere tra le protagoniste di questa trentesima edizione del Torino Film Festival. Oltre alla presenza di Citadel e What Richard Did, prodotti in Eire, l’Ulster e la sua controversa storia fanno da sfondo a ben due pellicole, che non potrebbero essere più diverse tra loro: il divertente e godibilissimo Good Vibrations e questo Shadow Dancer, teso thriller alla visione del quale c’è molto meno da ridere.

Leggi tutto

ANNA KARENINA di Joe Wright (2012)

Presentato all’interno della sezione Festa Mobile, Anna Karenina era senza dubbio uno dei film più attesi del trentesimo Torino Film Festival grazie alla presenza, tra gli attori, di nomi di richiamo (Keira Knightley, Jude Law, Aaron Johnson) e per un regista, Joe Wright, i cui precedenti lungometraggi avevano ottenuto un riscontro positivo di pubblico e critica (Orgoglio e pregiudizio: candidato a quattro Oscar e a due Golden Globe; Espiazione: sette nomination e una statuetta vinta per la miglior colonna sonora originale). Non si può dire che le promesse siano state mantenute. 

Leggi tutto

THE SESSIONS di Ben Lewin (2012)

Una delle più piacevoli sorprese del Torino Film Festival 2012 è certamente The Sessions, film semi-indipendente presentato all’interno della sezione Festa Mobile e diretto da Ben Lewin, con protagonisti Helen Hunt e John Hawkes. 

L’attore interpreta Mark O’Brien, poeta e giornalista colpito dalla poliomielite all’età di quattro anni e da allora costretto a vivere collegato a un polmone d’acciaio. Compiuti i trentotto anni decide di perdere la verginità affidandosi a una professionista del settore. Seppur non manchino possibili inserti finzionali, il film è tratto dalla vera storia del suo protagonista, che ha deciso di raccontare il suo approccio alla sessualità attraverso l’unica arma della quale non ha mai fatto a meno: la parola scritta.

Leggi tutto

GOOD VIBRATIONS di Glen Leyburn e Lisa Barros D’Sa (2012)

 

Può la musica salvare il mondo? Forse no, ma in un paese dove bombe e sparatorie sono all’ordine del giorno, certamente può renderti la vita un po’ più sopportabile. È quello che ha pensato Terry Hooley, tizio geniale e un po’ pazzo che negli anni 70 aprì un negozio di dischi nel quartiere più pericoloso della Belfast squassata dai Troubles (ovvero il trentennale conflitto in Irlanda del Nord), per poi dar vita a un’etichetta indipendente che praticamente creò la scena punk dell’Ulster. La coppia di registi Lisa Barros D’Sa e Glen Leyburn rende omaggio a questa misconosciuto e prodigioso personaggio con un piccolo grande film, Good Vibrations (dal nome del negozio in questione), che trova un meritato posto nella sezione Festa mobile del Torino Film Festival numero 30.

Leggi tutto

IMOGENE di Robert Pulcini e Shari Springer Berman (2012)

Robert Pulcini e Shari Springer Berman ritornano al Torino Film Festival con il loro ultimo film Imogene, dopo aver presentato nel 2003 American Splendor.

Kristen Carol Wiig, dopo il successo di Bridesmaids e Friends With Kids, questa volta vestirà i panni di una sensibile commediografa, Imogene, che decide di inscenare un suicidio per attirare l’attenzione dell’ex fidanzato. Ma il tentativo fallisce e viene messa sotto custodia dalla madre esuberante e un po’ adolescenziale, Zelda, interpretata da Annette Benning. Lasciata la grande mela e gli “amici” tornerà alla vita provinciale nella casa di famiglia nel Jersey Shore.

Leggi tutto

THE LORDS OF SALEM di Rob Zombie

“On the rare occasion, a special child appears”.

 

Presentato in anteprima al TFF nella sezione Rapporto Confidenziale, The Lords Of Salem di Rob Zombie è stato uno dei film più attesi dell’anno.

Il film è un progetto che il regista desiderava realizzare da tempo: fortunatamente questa volta ha avuto piena libertà d’ azione rispetto ai vincoli dei suoi precedenti film, Halloween – The Beginning e Halloween II. Le aspettative erano altissime e sono state ampiamente soddisfatte. Leggi tutto

L’ÉTOILE DU JOUR di Sophie Blondy (2012)

Il circo è un mondo che da sempre desta moltissimo fascino e moltissima attenzione, vuoi per i numeri di magia, vuoi per i clown, vuoi per l’ipocrisia di fondo che regna al suo interno: sfarzoso fuori, indegno dietro le quinte. Senza scomodare Fellini, basta solo pensare ad uno degli ultimi film usciti ad argomento circense, Come l’acqua per gli elefanti, che proprio nella tirannia del capo circense e in una storia d’amore aveva i suoi punti cardine. L’étoile du jour, secondo lungometraggio di Sophie Blondy, è invece un insieme di tutte queste tematiche, che parte bene, ma poi purtroppo non mantiene le aspettative. Il tutto è ambientato in una piccola città del Nord della Francia, dove approda un circo sgangherato che viene frequentato da pochissimi spettatori, e nel quale sono gli intrighi e le relazioni interpersonali a movimentare il clima. Elliot (Denis Lavant), il clown, è tormentato dalla sua coscienza (Iggy Pop), mentre la bella Angèle (Natacha Régnier), sua moglia, viene corteggiata dal perfido direttore Heroy (Tchéky Karyo).

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial