CHI HA INCASTRATO ROGER RABBIT di Robert Zemeckis (1988)

locandina-chi-ha-incastrato-Roger-RabbitSabato 04/01/14, ore 23.15, RAIUNO

 

Hollywood, 1948: la pacifica coesistenza tra esseri umani e cartoni animati viene minata dall’omicidio di Marvin Acme, proprietario della ACME Corporation. Incolpato del tremendo crimine il coniglio Roger Rabbit, geloso della presunta relazione dell’uomo con sua moglie Jessica.

Il detective Eddie Valiant, disilluso, alcolizzato e traumatizzato dalla morte del fratello proprio a causa di un cartone, tenterà di indagare sul caso e scoprirà il vero autore del delitto. Divertentissimo e folgorante omaggio alla fantasia più sfrenata, Chi ha incastrato Roger Rabbit ha un ritmo frenetico ed incalzante, oltre ad essere pioniere di una tecnica rivoluzionaria che associa attori in carne ed ossa a personaggi animati, con una sincronizzazione strabiliante e perfetta. Modellato sui cartoons di Tex Avery e coprodotto dalla Touchstone (Disney) e dalla Amblin Entertainment di Spielberg, record d’incassi, il film ha contribuito al rilancio dell’animazione, genere in crisi da tempo. Molte le sequenze memorabili, due assolutamente imprescindibili: il geniale cortometraggio d’apertura con Roger Rabbit e Baby Herman e l’esibizione di Jessica Rabbit (ispirata a Rita Hayworth e disegnata per essere il sogno proibito di ogni uomo) sulle note di Why don’t you do right, entrata di diritto nell’immaginario collettivo. Tre Oscar (montaggio, effetti visivi e sonori).

Da non perdere.