Ciné 2023 parte III – I listini di Disney, Fandango, Lucky Red, BIM, Plaion, Europictures, Vertice 360 e Magnitudo

Foto di Fabio Demitri

Il nostro speciale su Ciné 2023 continua: le Giornate di cinema di Riccione sono un momento per fare il punto sulla situazione cinematografica, oltre che per vedere quali saranno le proposte della nuova stagione e il futuro che ci attende in sala. In questa terza puntata partiamo con Disney, che celebra i suoi 100 anni con un’offerta variegata, forte delle plurime acquisizioni che oggi la vedono padrona di Marvel, LucasFilm e Fox/Searchlight. 

La major di Topolino punta molto su La casa dei fantasmi con Owen Wilson, LaKeith Steinfield, Danny De Vito e Rosario Dawson, tratto da una celebre attrazione di Disneyland. Assassino a Venezia è il terzo capitolo di Kenneth Branagh dedicato a Poirot, con apparenti sfumature horror, mentre Gareth Evans nel kolossal fantascientifico The Creator fa quello che parrebbe essere un mix di Terminator e del suo stesso Rogue One, su un tema molto attuale (l’intelligenza artificiale). Attesissimo il nuovo film di Yorghos Lanthimos Povere creature! con Emma Stone, grottesca rivisitazione di Frankenstein, potrebbe funzionare Chi segna vince con un ossigenato Fassbender nei panni di un coach di calcio alle Samoa, ma il nocciolo dell’offerta Disney sono ovviamente i grandi blockbuster: in primis Marvels, cinecomic tutto al femminile, e l’animato Wish, che ha tutta l’intenzione di diventare il nuovo Frozen, ma con una tecnica mista tra 2D e 3D che ricorda le illustrazioni medievali. Incuriosiscono ancora di più i titoli solo annunciati per il futuro: tra essi , Biancaneve, il sequel di Inside Out e Mufasa, prequel de Il re leone, oltre a un film su Deadpool.

Fandango punta sul disagio urbano di Una sterminata domenica e su Mur, documentario che Kasia Smutniak (altra debuttante alla regia nel cinema italiano di quest’anno) ha girato nella sua Polonia per mostrarci uno sguardo sul conflitto ucraino. Marco Risi torna con Il punto di rugiada, storia di un giovane costretto a lavorare in una RSA. Ancora doc con Patrizia Cavalli – Le mie poesie non cambieranno il mondo e Orlando, My Political Biography, omaggio al classico della Woolf. Amen di Andrea Baroni ci porta in una storia tra fanatismo religioso e sussulti ormonali, ma il titolo che ci pare più intrigante è la commedia fantascientifica La guerra del Tiburtino III.

Davvero gustoso il listino di Lucky Red, alll’insegna dei grandi autori e di tanto cinema proveniente da Cannes: ci sono Ken Loach (Old Oak), un doppio Wim Wenders (Perfect Days e il doc Anselm), Aki Kaurismaki (Fallen Leaves), Woody Allen (Coup de chance), Todd Haynes (May December) Luc Besson (Dogman: Garrone non c’entra, il regista francese torna alle sue atmosfere di drama actione e violento), Anh Hung Trahn (La passione di Dodin Bouffat), Wang Bing (il doc Youth). Occhio al passaggio di Valerio Lundini come attore ne Il più bel secolo della mia vita e al coreano-americano Past Lives, mentre Manodopera è un film d’animazione sui lavoratori italiani migranti. Completano l’offerta Doggy Style, PassagesThe Great Escaper, The Teacher’s Lounge, Retribution con Liam Neeson, Better Man con Robbie Williams, Dall’altro di una fredda torre, Deep Sea, Longing con Richard Gere e La bella estate di Laura Luchetti con la sensuale Deva Cassel (figlia di Vincent e di Monica Bellucci).

La casa di Occhipinti per i film Monster di Hirokazu Kore-eda e Wicked Little Letters collabora con BIM, altra azienda capace di offrire una serie di prodotti davvero interessanti. L’imprevedibile viaggio di Harold Fry promette lacrime e sorrisi con Jim Broadbent, mentre Palazzina Laf è l’esordio di Michele Riondino alla regia. Il titolone è però Il maestro giardiniere di Paul Schrader anche se le aspettative sono forti anche per Richard Linklater (Hitman) e Dance First – Think Later, sull’amicizia tra James Joyce e Samuel Beckett.

Plaion Pictures offre un listino a base di anime (Il castello invisibile), horror (Talk to Me), animazione per famiglie (Bu e il castello stregato), insieme a un viaggio nel deserto (Un cammello per amico) e un curioso thriller italiano (Runner) con Matilde Gioli. Occhio, però, alla vera chicca: Silent Night con Joel Kinnaman è, udite udite, il nuovo film di John Woo.

Europictures propone 4 titoli interessanti: la comedy francese con il comico Jamel Debbouze e Daniel Auteuil The New Toy (remake di Professione giocattolo e Giocattolo a ore), Bernadette – La première dame con Catherine Deneuve nei panni della signora Chirac, The Miracle Club con Maggie Smith, Kathy Bates e Laura Linney e il drama spagnolo Matria.

Vertice 360 prende da Cannes Firebrand con Jude Law e Alicia Vikander e fa il pieno di superstar americane: Black Flies con Sean Penn, In the Land of Saints and Sinners con Liam Neeson, I mercen4ri – Expendables con Sylvester Stallone & Co. Tra i titoli, anche Mother’s Instict con Anne Hathaway e Jessica Chastain, Lee con Kate Winslet e l’atteso remake di Red Sonja con la nostra Matilda Lutz.

Chiudiamo questo terzo capitolo riservato a Ciné con i documentari di Magnitudo, dalle bellezze italiane (Grand Tour e Giotto) a orgoglio gay (Are You Proud) e storie americane (Burning Man). Qui la prima parte e qui la seconda sui listini presentati a Riccione.