DUELLO A BERLINO di Michael Powell, Emeric Pressburger (1943)

duello a berlinoSabato 1/12/12, ore 1.45, RAITRE

 

La più bella storia d’amicizia virile che sia mai stata portata sullo schermo, recitata come meglio non si potrebbe e girata da due dei più grandi registi che la storia del cinema possa vantare.

Tutto questo, e molto di più, è Duello a Berlino, la cui impeccabile costruzione narrativa può essere apprezzata solamente guardandolo nella versione integrale, la cui durata si attesta sui 163’, e non in quella mutilata di circa un’ora (!) che ne stravolge completamente la vicenda, rendendola a tratti incomprensibile. L’affetto e la stima reciproca tra un ufficiale inglese ed uno tedesco che dura dal 1902 al 1943 passando indenne tra le due guerre e l’amore per la stessa donna, è una delle più belle lezioni di vita che si possano seguire. Le vicende individuali si intersecano perfettamente con gli eventi storico-politici, con la consapevolezza che il glorioso passato, in cui l’onore e il rispetto erano valori fondamentali, sembra svanire per sempre tra le macerie della guerra. Senza un’ombra di accademia, il film si avvale di uno straordinario trio di attori, tra cui è d’obbligo citare la luminosa Deborah Kerr, impegnata in un triplice ruolo. Scritto, prodotto e diretto da Powell e Pressburger, secondo una dicitura che farà storia. Siamo nei pressi de La grande illusione, per intenderci.

Splendido, meraviglioso, imperdibile.

{jcomments on}