IL PADRINO – PARTE III di Francis Ford Coppola (1990)

il-padrino-parte-IIISabato 22/03/14, ore 21.30, Rete 4

 

«La politica e i criminali sono la stessa cosa». Terzo e ultimo capitolo della trilogia sulla famiglia Corleone, iniziata nel 1972 con Il padrino e proseguita nel 1974 con Il padrino – Parte II, Il padrino – Parte III chiude la più grandiosa epopea gangsteristica della storia del cinema.

1979. Il boss Michael Corleone (Al Pacino), ormai in là con gli anni e indebolito da problemi di salute, gode della fama di una persona rispettabile. Impegnato a guadagnarsi onorabilità sociale, estraniando definitivamente la propria famiglia dal mondo della Mafia, elegge come suo successore il nipote Vincent (Andy Garcia). Il sangue continuerà a scorrere, fino al solenne, definitivo epilogo. Universalmente ritenuto inferiore ai due episodi che l’hanno preceduto, Il padrino – Parte III ha la cadenza tragica delle grandi opere crepuscolari, in cui l’impianto classico della narrazione è arricchito da innumerevoli sottotrame che ampliano la descrizione di un mondo giunto alla fine dopo un inevitabile declino. I personaggi, presenze funeree che attendono con dignità il loro nefasto destino, si muovono tra New York e la Sicilia, tra Nuovo e Vecchio Mondo. Sontuoso melodramma che indaga le piaghe più corrotte della società, questo capitolo conclusivo incrocia malavita e intrighi vaticani, con esplicite allusioni ad eventi reali. Il potente respiro cinematografico e il senso dello spettacolo di Coppola esplodono nell’ultima ora, quando l’esecuzione della Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni al Teatro Massimo di Palermo fa da sottofondo all’ultima parte del film. Sette nomination agli Oscar e sette nomination ai Golden Globe. Nemmeno un premio.

Sontuoso.