Il programma del Bolzano Film Festival Bozen 2024: focus sul cinema indigeno brasiliano

Dal 12 al 21 aprile 2024 va in scena la 37esima edizione del Bolzano Film Festival Bozen, con un focus decisamente interessante: al centro della manifestazione altoatesina che da sempre si occupa di cinematografie, ci sarà infatti il cinema indigeno brasiliano. Tra gli ospiti, è previsto il regista Takumã Kuikuro, appartenente al popolo Kuikuro e cresciuto nella riserva indigena di Xingu, nella foresta amazzonica brasiliana.

Il programma di Bolzano Film Festival Bozen 2024

Il programma comprende tre blocchi (rispettivamente dedicati a Kuikuro, a registi indigeni e agli artisti e cineasti Zahy Tentenhar Denilson Baniwa), composti complessivamente da 10 cortometraggi, un mediometraggio e un lungometraggio.

1.

THE HYPERWOMEN (AS HIPER MULHERES) di Carlos Fausto, Leonardo Sette, Takumã Kuikuro (BRA 2011, 80 min, Portoghese)
Kanu è l’unica donna del villaggio che ricorda tutte le canzoni da eseguire nel rituale delle “iperdonne”. È arrivato il momento di trasmettere le sue conoscenze, così iniziano i preparativi per la cerimonia tutta al femminile. Un divertente ritratto delle relazioni di genere tra i kuikuro. 

FEBRE DA MATA (JUNGLE FEVER) di Takumã Kuikuro (BRA 2023, 11′)
Lo sciamano e la sua famiglia vanno a pescare. Durante la battuta di pesca, un giaguaro si avvicina e inizia ad abbaiare spaventato, in cerca di aiuto. 

YAÕKWÁ, IMAGEM E MEMÓRIA (YAÕKWÁ, IMAGE AND MEMORY) di Rita Carelli, Vincent Carelli (BRA 2020, 21 min, Enawene Nawe)
Lo yaõkwa è un lungo rituale eseguito dagli enawenênawê dello stato del Mato Grosso per nutrire e placare gli spiriti. 

2.

ABDZÉ WEDE’O – VÍRUS NÃO TEM CURA? di Divino Tserewahú (Mato Grosso 2021, 55′, Portoghese, Yanomami)
Documentando i rituali di riverenza per i defunti e il lutto per la scomparsa di decine di anziani e leader del villaggio di Sangradouro durante la pandemia di Covid 19, Divino Tserewahu nel suo film Abdzé Wede’ö ci mostra immagini colme di bellezza, conoscenza e forza spirituale che caratterizza la cultura xavante. 

AGUYJEVETE AVAXI’I di Kerexu Martim (BRA 2023, 20′)
Nel villaggio di Kalipety, dove un tempo si trovava un’area arida e degradata, i guarani m’bya iniziano a coltivare varietà tradizionali di mais.

MÃRI HI (THE TREE OF DREAM) di Morzaniel Ɨramari (BRA 2023, 17′, Yanomami)
Quando i fiori dell’albero Mãri sbocciano, nascono i sogni. Le parole di un grande sciamano ci guidano in un’esperienza onirica.

THUË PIHI KUUWI (A WOMAN THINKING) di Aida Harika Yanomami, Edmar Tokorino Yanomami, Roseane Yariana Yanomami (BRA 2023, 9′, Yanomami)
Una donna yanomami osserva uno sciamano durante la preparazione della yãkoana, che permette di entrare nel mondo degli spiriti.

YURI U XËATIMA THË (THE FISHING WITH TIMBÓ) di Aida Harika Yanomami, Edmar Tokorino Yanomami, Roseane Yariana Yanomami (BRA 2023, 10′, Yanomami)
Due giovani registi yanomami mostrano la tecnica di pesca indigena con il timbó, una liana tradizionalmente usata per stordire i pesci.


3.

AIKU’È ZEPÉ di Zahy Tentehar (Maranhão 2017, 12′)
Questo progetto è nato dall’esigenza di esprimere le sue preoccupazioni come corpo e come donna indigena che cerca di sopravvivere nel caos lasciato dalla “civiltà”. 

COLHEITA MALDITA (CURSED HARVEST) di Denilson Baniwa (Mato Grosso 2022, 12′)
Nel 2021, l’avanzata dell’agrobusiness nelle foreste ha raggiunto il suo apice, favorita dal disastroso progetto dell’attuale presidente Jair Bolsonaro. 

KARAIW A’E WÀ / OS CIVILIZADOS di Zahy Tentehar (Maranhão 2021, 29′)
Il film parla del nostro fallimento come esseri umani, dell’indurimento delle loro capacità e del depotenziamento dei loro sensi fisici e filosofici. 

ZAHY di Felipe Bragança, Zahy Guajajara (ITA 2012, 5 min, Italiano, Inglese)
Zahy Guajajara, 23 anni, è uno dei leader indigeni di un villaggio vicino al Maracanã, nell’ex Museo Indigeno, che rischia di essere demolito a Rio de Janeiro. 
 

OPERE DI REGISTI NON INDIGENI

Ci è sembrato opportuno presentare anche queste 3 opere che sono attente testimonianze, film contro la rimozione, e riflettono le sfaccettature dei vari generi cinematografici della sezione.

CROWRÃ (THE BURITI FLOWER) di João Salaviza & Renée Nader Messora  (BRA/PRT 2023, 124′, Krahô, Portoghese)
I Krahô, nella foresta pluviale brasiliana, vivono in un tempo tutto loro. Seguono con il cellulare il discorso di un attivista indigeno nella capitale, mentre allo stesso tempo un massacro dei loro antenati da parte dei “cupe” (i bianchi) viene ricordato come un evento di formazione dell’identità.

A FEBRE (THE FEVER) di Maya Da-Rin (BRA/FRA/DEU 2019, 98′, Tucan, Portoghese)
Manaus è una città industriale circondata dalla foresta amazzonica. Giustino, 45 anni, appartenente al popolo indigeno Desana, lavora come guardia di sicurezza al porto merci. Dopo la morte della moglie, la sua principale compagnia è la figlia minore, con la quale vive in una casa alla periferia della città.

MARTIRIO di Vincent Carelli, Tatiana Almeida, Ernesto de Carvalho  (BRA 2016, 162 min, Portoghese, Guaraní, Spagnolo)
In questo film, girato nel corso di 40 anni, il cineasta indigenista Vincent Carelli si mette alla ricerca delle origini del genocidio dei guaraní kaiowá. Un conflitto tra forze sproporzionate: la pacifica e ostinata insurrezione dei guaraní kaiowá privati della loro terra contro i potenti colossi dell’agrobusiness.