INCONTRERAI L’UOMO DEI TUOI SOGNI di Woody Allen (2010)

Incontrerai-luomo-dei-tuoi-sogniLunedì 8/4/13, ore 23.15, IRIS

 

Woody Allen al suo quarantunesimo film, il quarto girato a Londra, dopo Match Point (2005), Scoop (2006) e Sogni e delitti (2007), torna a raccontare con intelligenza e sarcasmo gli intrecci tra vita e sentimenti.

L’impianto narrativo del film ricorda quello delle sue opere migliori, in cui diversi personaggi interagiscono tra di loro, incrociando più o meno casualmente i propri destini: l’attempato Alfie (Anthony Hopkins) si mette insieme ad una giovane svampita e lascia la moglie fedele, la quale mette la propria vita nelle mani di una ciarlatana che si spaccia per chiaroveggente; la loro figlia, Sally (Naomi Watts), stufa di mantenere il marito Roy (Josh Brolin), uno scrittore in crisi, perde la testa per il gallerista Greg (Antonio Banderas); Roy intreccia una relazione con Dia (Freida Pinto), un’avvenente vicina di casa indiana. Il balletto dei personaggi, tutti legati l’uno all’altro, è condotto da Allen con garbo e ironia, pur non raggiungendo le vette di un tempo. E’ il film di un settantacinquenne, e si vede. Passioni, ambizioni, desideri (repressi) e ansie, trascinano i protagonisti in un crescendo simpatico equivoci. Si ride a denti stretti e le stoccate al bigottismo della cultura borghese non mancano. La lucidità critica di sguardo, in un contesto talvolta buffo e stravagante, è il pregio più grande di un nuovo tassello nella densa filmografia di un genio. Attori bravissimi. Fotografia, come al solito eccellente, di Vilmos Zsigmond. Presentato fuori concorso al 63º Festival di Cannes.

Ironico e intelligente.{jcomments on}