LA MORTE TI FA BELLA di Robert Zemeckis (1992)

locandina-la-morte-ti-fa-bellaVenerdì 19/07/13, ore 23.15, RETE 4

 

“Ma chi ti credi di essere? Tu non sei nessuno, non sei nessuno! Sei soltanto un flaccido pagliaccio alcolizzato. Ecco cosa sei, un flaccido. Flaccido. FLAAAAAAAAAAAAAAAAAAACCIDO!”

Madeline Ashton (Meryl Streep), attrice mediocre e mangiatrice di uomini, mette gli occhi sul chirurgo Ernest Menville (Bruce Willis), fidanzato dell’amica Helen Sharp (Goldie Hawn), riuscendo a rubarlo a quest’ultima e a sposarlo. Anni dopo i due coniugi, ormai separati in casa e presi dai propri problemi (lei terrorizzata dall’idea di invecchiare, lui alcolizzato all’ultimo stadio) si imbattono in una Helen in forma strepitosa: il segreto della donna scatenerà una serie di imprevedibili eventi.

 

Una commedia nera scatenata ed esilarante, in cui il messaggio (non bisogna alterare la natura delle cose) è secondario: l’elemento dominante è il puro divertimento visivo, con le interpreti (Streep e Hawn, che gigioneggiano alla grande) trasformate a corpi da deformare e ricomporre, quasi assimilate a cartoons (e, si sa, in quest’ambito il regista Robert Zemeckis dà il suo meglio: vedi Chi ha incastrato Roger Rabbit). Bruce Willis raramente ha recitato così bene. Isabella Rossellini è la strega Lisle Von Rhoman, Sydney Pollack un medico. Grandiosi effetti speciali della Industrial Light & Magic che hanno fruttato il premio Oscar.

Consigliato.

{jcomments on}