L’UOMO CHE VERRA’ di Giorgio Diritti (2009)

luomo che verràMartedì 23/4/13, ore 21.15, RAI 5

 

Opera seconda del bolognese Giorgio Diritti, il film è stato presentato al Festival Internazionale del Film di Roma, dove ha ottenuto un grande successo di critica e di pubblico. Ambientato nel 1944, racconta gli eventi antecedenti l’eccidio di Monte Sole, compiuto dalle truppe naziste in Italia tra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944, visti attraverso gli occhi di una bambina di otto anni.

La strage di Marzabotto, con circa 1.830 morti (tra cui bambini e intere famiglie) è uno dei più spaventosi crimini di guerra contro la popolazione civile compiuti dalle forze armate tedesche, in Europa occidentale, durante la Seconda Guerra Mondiale. Erede naturale di Ermanno Olmi, Diritti conferma una esigenza di autentico realismo “dal basso”, già dimostrata nella pellicola d’esordio Il vento fa il suo giro, facendo recitare i personaggi nel dialetto bolognese dell’epoca. L’ambiente rurale e la vita contadina sono colti nella loro spontanea quotidianità, con una ricchezza di dettagli non priva di slanci poetici. Affresco lirico e potente sulla Resistenza e sulla dignità umana che, raccontando l’orrore della guerra con tragica lucidità, lascia uno spiraglio di speranza. Non a caso, la protagonista è una bambina, pronta a custodire il proprio fratellino, ovvero l’uomo che verrà. Il senso del sacro è profondamente legato alla cultura contadina e al rapporto con la Natura. Gran Premio della Giuria Marc’Aurelio D’argento, Premio Marc’Aurelio D’oro del Pubblico e Premio “La Meglio Gioventù” al Festival di Roma. 3 David di Donatello (film, produttore, sonoro) su sedici nomination, 3 Nastri d’Argento (produttore, scenografia, sonoro) su sette nomination, più una miriade di altri premi nazionali. 200 giorni di programmazione al cinema Mexico a Milano.

Straordinario.{jcomments on}