MEZZOGIORNO DI FUOCO di Fred Zinnemann (1952)

mezzogiorno di fuocoLunedì 22/7/13, ore 21.15, RAI MOVIE

 

Ispirato al racconto The Tin Star di John W. Cunningham e sceneggiato da Carl Foreman (intellettuale di sinistra finito sulla lista nera negli anni del maccartismo), Mezzogiorno di fuoco è una pietra miliare del genere western.

Nella cittadina di Hadleyville attorno al 1880 lo sceriffo Willy Kane (Gary Cooper), appena unitosi in matrimonio con la bella quacchera Amy (Grace Kelly), prima di lasciare il suo “sporco” lavoro affronta solo e abbandonato da tutti quattro pericolosi criminali in cerca di vendetta. Il mito dell’uomo solitario che affronta una realtà ostile è qui portato alle estreme conseguenze. Studio psicologico sulla paura, sulla solitudine e sull’amicizia rifiutata, il film è una lezione di etica civile che dipinge un microcosmo caratterizzato da vigliaccherie, piccole astuzie e incomprensioni. La vicenda viene narrata senza il ricorso alla consueta spettacolarizzazione, prediligendo invece un’introspezione dei caratteri che ribalta gli stereotipi narrativi del genere. Grazie alla perfetta convergenza tra tempo della storia e tempo della narrazione, la durata del film coincide con l’azione della trama. Modello di suspense e di costruzione del racconto, Mezzogiorno di fuoco è universalmente considerato un capolavoro assoluto della storia del cinema, in cui la storia, scandita dalla celebre colonna sonora di Dimitri Tiomkin, segue un avvincente climax che culmina con la memorabile resa dei conti finale, in cui la spasmodica attesa solitaria del protagonista è entrata nel mito. Leggendaria prova di Gary Cooper, attore iconico come pochissimi altri. La canzone Do not forsake me, oh my Darling, conosciuta anche come High Noon (titolo originale del film), divenne poi un grande successo. 4 Oscar: attore protagonista, montaggio, colonna sonora, canzone.

Meraviglioso.{jcomments on}