NICK MANO FREDDA di Stuart Rosenberg (1967)

locandina-nick-mano-freddaMercoledì 28/11/12, ore 16.45, Rete 4

 

Nick Jackson (Paul Newman) viene condannato a due anni di lavori forzati per ubriachezza molesta. Disilluso dall’amore e provato da lutti famigliari, tenta più volte la fuga, diventando un eroe per i compagni di prigionia. Riuscirà nel suo intento ma le cose andranno male.




{jcomments on}

Scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, Nick mano fredda (la versione italiana, inspiegabilmente, cambia il nome del protagonista da Luke a Nick) fu acclamato dalla critica alla sua uscita in quanto portatore di un messaggio di ribellione in voga negli anni ’60 e con un protagonista all’apice della bellezza e del successo. Nel tempo è stato decisamente ridimensionato: resta comunque una testimonianza notevole della vita carceraria (lo sceneggiatore Don Pearce è un ex detenuto) e un inno alla libertà. Oscar a George Kennedy (capo dei prigionieri) come miglior attore non protagonista.

Consigliato.