OCCHI SENZA VOLTO di Georges Franju (1959)

occhi senza voltoMartedì 12/2/2013, ore 1.10, RAI MOVIE

 

Con il contributo di Claude Sautet alla sceneggiatura, tratta dal romanzo di Jean Redon Les yeux sans visage, Occhi senza volto è il secondo lungometraggio di Georges Franju, co-fondatore, insieme a Henri Langlois, della Cinémathèque française nel 1936.

Il dottor Génessier (Pierre Brasseur), chirurgo folle e geniale esperto in trapianti di organi, rapisce e uccide giovani donne alla ricerca di una ragazza con un volto che possa sostituire quello di sua figlia Christiane (Edith Scob), sfigurata in un incidente d’auto di cui lui stesso era stato il responsabile. La giovane, costretta a vivere con una maschera priva di espressione, anonima e inquietante al tempo stesso, si ribella. Memorabile horror fantastico e surreale, in cui il Franju “manipola” con maestria lo spettatore, spingendolo ad identificarsi con la povera vittima indifesa. La focalizzazione sul personaggio di Christiane riassume il significato simbolico del film: noi siamo il “mostro” per cui il dottore commette i suoi orribili crimini. In una perfetta fusione di cultura alta e bassa, Occhi senza volto è un ammirevole racconto di paura che, sulla base di una materia “pulp”, mostra bellezza e poesia dall’interno dell’orrore. E c’è pure Alida Valli, nei panni dell’assistente di Génessier. Grande atmosfera, garantita dal bianconero di Eugen Schufftan. Musiche di Maurice Jarre.

Orrore raffinato.{jcomments on}