PASQUALINO SETTEBELLEZZE di Lina Wertmüller (1975)

locandina-pasqualino-settebellezzeSabato 01/02/14, ore 21.05, IRIS

 

“Quello che è stato è stato… Tu sei vivo!”

 

Peripezie di Pasqualino Frafuso detto “Settebellezze” (Giancarlo Giannini), unico figlio maschio in una famiglia di sette mostruose sorelle (da ciò il soprannome), cinico e ipocrita guappo napoletano che attraversa un’Italia devastata da nazifascismo e guerra: la sua natura viscida e opportunista lo farà sopravvivere ad arresti, manicomi e campi di concentramento. Diretto da Lina Wertmüller, che firma una delle sue opere più compiute e riuscite, Pasqualino Settebellezze è una grottesca e inquietante commedia che, tra farsa e orrore, fotografa un paese allo sbando, metaforizzato da un protagonista a dir poco sgradevole e ributtante, pronto a tutto per sopravvivere e incapace di provare rimorso. Enorme successo di critica e pubblico, ottenne in America la candidatura a quattro premi Oscar (miglior film straniero, regia, attore protagonista, sceneggiatura originale) senza vincerne nessuno. Fotografia di Tonino Delli Colli, colonna sonora di Enzo Jannacci. Fernando Rey è l’anarchico Pedro.

Da non perdere.