PROFUMO – STORIA DI UN ASSASSINO di Tom Tykwer (2006)

locandina-profumoGiovedì 24/04/14, ore 21.10, IRIS

 

“Migliaia di odori si ammassavano tra i suoi abiti; l’odore della pietra, della sabbia, del muschio e perfino della salciccia mangiata settimane prima, ma un unico odore era assente: il proprio.”

Jean-Baptiste Grenouille (Ben Whishaw), orfano nella Parigi del XVIII secolo, ha un unico obiettivo: creare il profumo perfetto. Privo di un odore proprio ma dotato di un olfatto clamoroso, si macchierà di numerosi omicidi ai danni di giovani fanciulle, inconsapevolmente aiutato dal profumiere Baldini (Dustin Hoffman) e ricercato dal nobile Richis (Alan Rickman), la cui figlia rappresenta per Grenouille una tentazione irresistibile. Coraggioso tentativo da parte del regista Tom Tykwer di adattare per il grande schermo un romanzo dedicato “al fugace regno degli odori”, così come l’autore Patrick Süskind l’aveva concepito, Profumo – Storia di un assassino affascina grazie ad uno stile ricercato e tecnicamente ineccepibile e ricrea degnamente l’atmosfera torbida e putrescente che impregna le pagine di partenza. Con un grande pregio (un protagonista perfetto in un ruolo tutt’altro che semplice) e un notevole limite (la scena chiave davanti al patibolo, inutilmente laccata, che rappresenta l’occasione sprecata dell’intera operazione). In ogni caso, meritevole di almeno una visione. Nella versione originale la voce del narratore è di John Hurt.

Consigliato.