RISO AMARO di Giuseppe De Santis (1949)

locandina-riso-amaroVenerdì 03/05/13, ore 21.00, RAI STORIA

 

Folgorante capolavoro firmato dal trentaduenne Giuseppe De Santis e presentato in concorso al 3º Festival di Cannes, Riso amaro racconta le vicissitudini di Silvana (Silvana Mangano), mondina in una risaia del Vercellese che si innamora del delinquente Walter (Vittorio Gassman) e viene da lui coinvolta prima nel furto di una collana, poi nel tentativo di allagare la risaia per rubare il raccolto: pentita e in cerca di una catarsi, la ragazza andrà incontro al suo destino nel drammatico finale.

 

Straordinario affresco della tradizione popolare italiana, significativo sia dal punto di vista sociologico che tecnico-formale, Riso amaro rappresenta una tappa imprescindibile nella storia della Settima Arte, emblema di una straordinaria stagione del cinema italiano che ancora oggi si fa rimpiangere. Un’epopea tragica da vedere e rivedere senza stancarsi mai. Memorabile Silvana Mangano, sensuale pin-up che ci regala un torrido boogie-woogie e che si staglia nella risaia diventando icona con i suoi shorts e le calze al ginocchio; da antologia Vittorio Gassman, mascalzone irresistibile e mortalmente pericoloso. Soggetto di De Santis, Carlo Lizzani e Gianni Puccini, anche sceneggiatori con Corrado Alvaro, Ivo Perilli e Carlo Musso. Colonna sonora di Goffredo Petrassi.

Assolutamente imperdibile.

{jcomments on}