SENTIERI SELVAGGI di John Ford (1956)

sentieri selvaggiMartedì 15/10/13, ore 21.00, IRIS

 

 

Quinto western del maestro John Ford, universalmente considerato una pietra miliare nella storia del cinema, Sentieri selvaggi è una vera e propria summa del genere a cui appartiene.

Il cowboy razzista Ethan (John Wayne), veterano della guerra sudista, è sulle tracce del capo tribù indiano che, dopo aver sterminato la famiglia di suo fratello, ha rapito le sue due piccole nipoti. Quando, dopo lunghissime ricerche (il titolo originale è The Searchers), ne ritrova una (Natalie Wood), scoprirà che le cose non sono più come prima. Classico e al tempo stesso innovativo, il film è talmente denso di tematiche e stratificato nei contenuti da prestarsi a più visioni, per poterne apprezzare appieno la monumentale grandiosità. Girato in tre settimane nella Monument Valley, luogo “sacro” per Ford, Sentieri selvaggi è una spietata denuncia del razzismo tra indiani e bianchi e, più in generale, tra uomini di diversa razza o etnia. Vanta uno dei finali più belli della storia del cinema.

Un classico senza tempo.

{jcomments on}