LA BELLA E LA BESTIA di Bill Condon (2017)

 

La Disney, dopo 26 anni, riporta sui grandi schermi con un remake live-action il film d’animazione La Bella e la Bestia tratto dalla fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont.È la storia eterna della giovane e ribelle Belle, Emma Watson (la saga di Harry Potter, Noah) ritenuta diversa, stramba, dai suoi stessi compaesani, che, tentando di salvare il padre, entrato inavvertitamente nel giardino della Bestia per raccogliere una rosa, è costretta a rimanere al suo servizio. Eppure sarà forse proprio lei l’unica a vedere la bontà e la gentilezza nel cuore del mostro e a spezzare un terribile incantesimo.

Leggi tutto

MR. HOLMES – IL MISTERO DEL CASO IRRISOLTO di Bill Condon (2015)

 

Dopo Robert Downey Jr. e Benedict Cumberbatch, Ian McKellen. Dopo Guy Ritchie, Bill Condon. Ma nessuno si aspetti una continuità, qualche similitudine, ammiccamenti vari: nulla. Mr. Holmes – Il mistero del caso (presentato a Berlino 2015) irrisolto è lungi dalla scanzonata e postmoderna versione di Ritchie, come dalla stratosferica serie tv con Cumberbatch, anzi, quasi neanche sembra Sherlock Holmes.

Bill Condon, infatti, decide di portare in scena un investigatore anziano, che vorrebbe godersi la tranquillità della sua fattoria sulla costa britannica. Ma l’incontro con un ragazzo, Roger (Milo Parker), figlio della governante (Laura Linney), lo costringerà a tornare nel suo passato, a quell’ultimo caso, mai risolto, sepolto nell’oblio della sua memoria fallace.

Leggi tutto

Berlinale 2015: MR. HOLMES di Bill Condon e THE PEARL BUTTON di Patricio Guzmán

mr-HolmesMR. HOLMES di Bill Condon (fuori concorso)

Presentato nella sezione fuori concorso, Mr. Holmes si preannunciava come uno dei lavori più interessanti e curiosi della manifestazione berlinese. Il film di Bill Condon infatti erge a protagonista il detective più famoso del mondo rivisitandolo però in chiave originale ed insolita, ovvero all’età di circa novant’anni: l’Holmes interpretato da Ian McKellen è un pensionato anziano e acciaccato, molto più dedito all’apicoltura che agli omicidi. Eppure un caso che non riuscì a risolvere in passato lo tormenta ancora. La realizzazione del lungometraggio tuttavia non è all’altezza delle aspettative. La pellicola si dimostra essere piatta e monotona, ostacolata da una regia per nulla frizzante nemmeno nei momenti dove avrebbe potuto giocare di più con la grammatica filmica (come i ripetuti flashback) e si basa costantemente sulle doti recitative di un Ian McKellen qui meno in forma del solito e poco calato nella parte. La trama mistery è semplicemente abbozzata e tutto sembra gestito con il minimo impiego di energie. Notevole l’interpretazione del piccolo Milo Parker, credibile e funzionale per tutta la durata della pellicola.

Leggi tutto

IL QUINTO POTERE di Bill Condon (2013)

il-quinto-potere-locandinaLa questione posta da Il quinto potere non è tanto chi sia Julian Assange, se sia un santo o un criminale, quale sia esattamente la portata del fenomeno Wikileaks. Le ambizioni del film vanno ben oltre: quello che Bill Condon vuole insinuarci è il dubbio, terribile e meraviglioso a un tempo, che la verità non stia proprio da nessuna parte. Se non negli occhi di chi la osserva, relativizzandola. Ed è questa l’unica verità che possiamo raccontare sulla pellicola: quella degli spettatori, guardandoci bene di pronunciare qualunque giudizio di sorta sul personaggio Assange e sulla sua straordinaria invenzione.

Leggi tutto

BREAKING DAWN – PARTE 2 di Bill Condon (2012)

C’erano una volta i vampiri. Oscuri signori della notte, spaventose creature striscianti come le allusioni sessuali a loro connesse, terrificanti ma magnetici non-morti sempre a caccia di giovani fanciulle da sedurre e dissanguare. Poi è arrivata la Twilight Saga. E tutto è cambiato. La figura del vampiro si è modificata, ha perso quell’aura di morboso mistero che da sempre la contraddistingueva, si è arricchita di nuove caratteristiche che sono diventate un must. Edward Cullen e Bella Swan hanno stravolto il panorama vampiresco del nuovo millennio, imponendosi (è innegabile) come riferimento per le nuove generazioni.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial