Dune – Parte Due, la recensione del film di Denis Villeneuve

Di Francesco Pozzo

C’è qualcosa di così profondamente non cinematografico, nel Dune di Denis Villeneuve. Qualcosa che è cristallinamente sintomatico di un problema serio e non certo nuovo: la serializzazione del cinema. Cioè a dire come il linguaggio del cinema, prevalentemente mainstream, venga contaminato da quello delle serie televisive nella forma, nei ritmi, nel contenuto (quando c’è), rifuggendo come una pestilenza una qualunque parvenza di compiutezza: tutto deve continuare ad infinitum, e tutto si regge su ciò che è stato e/o verrà dopo (a tal proposito, e per restare in tema Villeneuve, si veda anche il deludentissimo sequel di Sicario del nostro Stefano Sollima, che grazie a Dio è tornato in patria con Adagio).

Leggi tutto
BLADE RUNNER 2049 di Denis Villeneuve (2017)

5 buoni motivi per vedere Blade Runner 2049 | Rolling Stone Italia

In tempi di franchise cinematografici sfruttati sino all’isterilimento, reboot eretici e remake che gridano vendetta in un progressivo appiattimento dell’inventiva hollywoodiana, quella di un seguito dell’immortale Blade Runner 35 anni dopo, con Ridley Scott alla produzione e Denis Villeneuve chiamato a raccogliere il testimone in cabina di regia, sembrava una scommessa azzardatissima, persa in partenza. Preceduto da un’attesa lancinante, il sequel di uno dei più grandi film di fantascienza di sempre (nato a sua volta da un romanzo di Philip K. Dick) si rivela invece una piacevole sorpresa, un’opera di maestosa complessità che riscrive le regole per riaggiornare saghe e classici del passato per il pubblico contemporaneo. Ambientato un trentennio dopo gli eventi del primo film, Blade Runner 2049 vede protagonista un nuovo cacciatore di replicanti, K (un Ryan Gosling di stupefacente bravura), alla ricerca di Rick Deckard (Harrison Ford) e alle prese con una scoperta clamorosa che potrebbe cambiare per sempre i rapporti tra umani e androidi e i destini di un mondo in disfacimento.

Leggi tutto

ARRIVAL di Denis Villeneuve (2016)

 

È un film di immenso impatto visivo Arrival di Denis Villeneuve, in sala dopo il passaggio in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2016. Il versatile regista canadese, ormai consacrato come autore da festival, cambia registro rispetto ai film precedenti (i toni thriller di Enemy, Prisoners e Sicario) e approda nei territori della fantascienza adulta, forte di un cast composto da Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker. La storia è comune a tutto quel prolifico filone invasion che va da Incontri ravvicinati del terzo tipo a Independence Day (di cui Arrival sembra essere l’antitesi più netta). Dodici misteriose astronavi extraterrestri atterrano in altrettanti punti diversi della Terra. I vari governi tentano di stabilire il contatto con gli evanescenti alieni: sono qui per invaderci o per aiutarci? Nel Montana, più che l’operato di militari e agenti segreti sarà fondamentale quello dell’illuminata linguista Louise Banks (Adams), incaricata di decifrare il linguaggio dei visitatori e coadiuvata da un fisico teorico (Renner).

Leggi tutto

Venezia 2016: ARRIVAL di Denis Villeneuve

arrival

È un film di immenso impatto visivo Arrival di DenisVilleneuve, tra i più attesi in concorso alla 73esima Mostra del Cinema di Venezia. Il versatile regista canadese, ormai consacrato come autore da festival, cambia registro rispetto ai film precedenti (i toni thriller di Enemy, Prisoners e Sicario) e approda nei territori della fantascienza adulta, forte di un cast composto da Amy Adams, Jeremy Renner e Forest Whitaker. La storia è comune a tutto quel prolifico filone invasion che va da Incontri ravvicinati del terzo tipo a Independence Day (di cui Arrival sembra essere l’antitesi più netta e del quale, guarda caso, sta per uscire il sequel). Dodici misteriose astronavi extraterrestri atterrano in altrettanti punti diversi della Terra. I vari governi tentano di stabilire il contatto con gli evanescenti alieni: sono qui per invaderci o per aiutarci? Nel Montana, più che l’operato di militari e agenti segreti sarà fondamentale quello dell’illuminata linguista Louise Banks (Adams), incaricata di decifrare il linguaggio dei visitatori e coadiuvata da un fisico teorico (Renner).

Leggi tutto

SICARIO di Denis Villeneuve (2015)

sicario

Presentato al Festival di Cannes, Sicario di Denis Villenueve è un thriller ad alta tensione che in cui il regista canadese organizza al meglio la messa in scena dello script dirigendo in maniera credibile e convincente i suoi protagonisti (Benicio Del Toro, Emily Blunt e Josh Brolin) e allestendo con mano sicura ed esperta alcune sequenze davvero complicate ma dal forte impatto (in primis la scena dell’assalto nel traffico intenso). Sotto il punto di vista formale infatti, Sicario è un film inattaccabile e godibile. Il problema della pellicola risiede tuttavia nelle sue intenzioni.

Leggi tutto

Cannes 2015: SICARIO di Denis Villeneuve

 

Dopo un fine settimana dedicato al filone più drammatico (Mia Madre, Carol, Mon Roi, Saul Fia i film presentati), il Festival di Cannes cambia tono e inizia a sparare le sue cartucce nel vero senso della parola. Sicario di Denis Villeneuve infatti è un thriller ad alta tensione che smuove un po’ il concorso con un ritmo incalzante e potenzialmente sempre esplosivo.

Il regista canadese organizza al meglio la messa in scena dello script dirigendo in maniera credibile e convincente i suoi protagonisti (Benicio Del Toro, Emily Blunt e Josh Brolin) e allestendo con mano sicura ed esperta alcune sequenze davvero complicate ma dal forte impatto (in primis la scena dell’assalto nel traffico intenso). Sotto il punto di vista formale infatti, Sicario è un film inattaccabile e godibile. Il problema della pellicola risiede tuttavia nelle sue intenzioni.

Leggi tutto

ENEMY di Denis Villeneuve (2013)

Che il famoso libro “L’uomo duplicato” di Josè Saramago fosse destinato a diventare un film lo aveva profetizzato lo stesso scrittore portoghese quando, durante un’ intervista promozionale , disse a proposito della sua opera: “sembra un film di fantascienza scritto, diretto e interpretato da cloni agli ordini di uno scienziato pazzo”. A portare sul grande schermo il metafisico romanzo del premio Nobel portoghese ci ha così pensato Denis Villeneuve, acclamato genietto del thriller contemporaneo, reduce dal successo internazionale di Prisoners e con alle spalle due lavori solidi come La donna che canta e Polytechnique; Denis Villeneuve che per l’occasione ha cercato di trasformare i sottili giochi psicologici del libro in un moderno incubo Lynchano ad alto tasso di tensione.

Enemy racconta la storia di Adam Bell ( Gyllenghall), inquieto professore universitario di storia che vive in una moderna megalopoli di cui non conosciamo il nome. Un giorno un collega consiglia ad Adam di guardare un film, Volere è Potere, che a suo avviso potrebbe piacergli molto. Il film è poco interessante, tuttavia, durante la visione, il protagonista nota che una delle comparse è, in tutto e per tutto, uguale a lui: uno scherzo? Un sosia? Un clone? Adam si metterà così sulle tracce di questa persona, cercando di risolvere il mistero.

Leggi tutto

PRISONERS di Denis Villeneuve (2013)

Locandina PrisonersDopo l’intrigante La donna che canta (Incendies, 2011) il regista franco-canadese Denis Villeneuve torna dietro la macchina da presa con Prisoners che, oltre a segnare la sua prima trasferta americana, annovera un cast prestigioso.
Protagonista della storia è Keller Dover (Hugh Jackman) che si trova ad affrontare il peggiore incubo per un genitore: sua figlia di sei anni, Anna, scompare insieme alla sua amica Joy e, mentre i minuti diventano ore, il panico prende il sopravvento.
L’indizio principale è un camper fatiscente parcheggiato nella loro strada.
A capo dell’investigazione c’è il Detective Loki, (Jake Gyllenhaal) che ne arresta il proprietario, Alex Jones (Paul Dano), ma la mancanza di prove lo costringe al suo rilascio.
Mentre la polizia segue diverse piste, l’ansia sale sempre più e sapendo che è in gioco la vita di sua figlia, Dover in preda all’isteria decide di non avere altra scelta che quella di prendere in mano la situazione. Ma fino a dove si spingerà questo padre disperato, per proteggere la sua famiglia?

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial