TOP 5: I migliori adattamenti dei romanzi di Stephen King

 Shining

Ancora Stephen King, ancora adattamenti cinematografici dai romanzi del Maestro per celebrare l’uscita di It di Andy Muschietti (qui la nostra recensione), in sala dal 19 ottobre. E la top 5, in questo caso, risulta assai più soddisfacente dei flop di cui vi abbiamo già parlato: ci riferiamo infatti alle migliori trasposizioni dalle pagine dello scrittore del Maine.

Orrori, quelli di King, di matrice sfumata e inconscia, perciò giudicati spesso infilmabili, ma alcuni autori sono riusciti nell’ardua impresa di realizzare pellicole degne di nota, quando non veri e propri capolavori. A voi una cinquina tutta da brivido.

Leggi tutto

75 ANNI DI BATMAN

Batman LogoEra il 1939 quando Bob Kane ideò per la DC Comics un eroe dark, che agisce durante la notte come giustiziere mascherato da pipistrello. Da quel maggio sono passati 75 anni e Batman è diventato uno dei supereroi più amati, secondo solamente a Superman in quanto a fama. Le origini sono chiare, poi raccontate in maniera impeccabile da Christopher Nolan in Batman Begins (2005): figlio dei miliardari Thomas e Martha Wayne, il piccolo Bruce assiste alla morte dei suoi genitori all’uscita del teatro, e il trauma di quella serata lo accompagnerà per tutta la vita: decide quindi di combattere il crimine, perché atti del genere non accadano più. Burton ha invece raccontato di come l’assassino fosse un giovanissimo Jack Napier, poi divenuto Joker, ma le visioni a riguardo restano molteplici. La scelta del pipistrello, comunque, è un simbolo di paura, che possa incutere timore anche solo con la sua ombra ai malviventi, che tremino al solo pensiero di poterlo incontrare.

Leggi tutto

LA PROMESSA di Sean Penn (2001)

locandina-la-promessaLunedì 14/04/14, ore 21.10, IRIS

 

Presentato in concorso al 54º Festival di Cannes, tratto dall’omonimo romanzo di Friedrich Dürrenmatt e diretto da Sean Penn (che sposta l’ambientazione dalla Svizzera degli anni ’50 all’America odierna), La promessa racconta del poliziotto in pensione Jerry Black (Jack Nicholson) alle prese con un serial killer di bambine.

Leggi tutto

A PROPOSITO DI SCHMIDT di Alexander Payne (2002)

a proposito di schmidtGiovedì 23/01/14, ore 21.05, RAITRE

 

Diretto da Alexander Payne (regista di Sideways e Paradiso Amaro), tratto da un romanzo di Louis Begley, A proposito di Schmidt racconta la storia di un uomo che, rimasto vedovo, intraprende un viaggio per assistere al matrimonio della figlia.

Leggi tutto

LA PROMESSA di Sean Penn (2001)

locandina-la-promessaVenerdì 15/11/13, ore 00.05, RETE 4

 

Presentato in concorso al 54º Festival di Cannes, tratto dall’omonimo romanzo di Friedrich Dürrenmatt e diretto da Sean Penn (che sposta l’ambientazione dalla Svizzera degli anni ’50 all’America odierna), La promessa racconta del poliziotto in pensione Jerry Black (Jack Nicholson) alle prese con un serial killer di bambine.

Leggi tutto

LE STREGHE DI EASTWICK di George Miller (1987)

locandina-eastwickMartedì 22/10/13, ore 23.55, RETE 4

 

“Il mondo continua a crescere e voi lo nutrite. Non è lui che nutre voi, lui vi passa attraverso come una purga, lui vi spreca. La donna non è che un buco, non dicono così..? Tutta la futilità del mondo si riversa su di voi.”

Leggi tutto

QUALCUNO VOLÒ SUL NIDO DEL CUCULO di Miloš Forman (1975)

locandina-cuculoSabato 19/10/13, ore 00.30, LA7

 

One flew East, one flew West, one flew over the cuckoo’s nest.

Salem, Oregon. Nell’ospedale psichiatrico di Stato, diretto con pugno di ferro dall’infermiera Ratched (Louise Fletcher), arriva Randall MacMurphy (Jack Nicholson), sbandato che si finge pazzo per evitare la galera.

Leggi tutto

LE STREGHE DI EASTWICK di George Miller (1987)

locandina-eastwickMartedì 22/10/13, ore 23.55, RETE 4

 

“Il mondo continua a crescere e voi lo nutrite. Non è lui che nutre voi, lui vi passa attraverso come una purga, lui vi spreca. La donna non è che un buco, non dicono così..? Tutta la futilità del mondo si riversa su di voi.”

Leggi tutto

QUALCUNO VOLO’ SUL NIDO DEL CUCULO di Milos Forman (1975)

Qualcuno volò sul nido del cuculo: recensione del film...

L’Europa e gli Stati Uniti sono stati i principali interpreti della mirabolante ascesa di un’arte giovane e ancora oggi sulla cresta dell’onda, il cinema. Da una parte c’è la Hollywood patinata delle Major (interessate più agli introiti che ai contenuti), dall’altra la scuola europea (francese, tedesca, russa e italiana), che proietta in sequenza delle immagini colme di senso, messaggi artistici al pari dei dipinti, delle poesie o delle canzoni.

Se c’è un regista che è riuscito a riunire il meglio delle due scuole, questo è Miloš Forman. Nato a Čáslavin Cecoslovacchia (oggi Repubblica Ceca), perse i genitori nei campi di concentramento nazisti e a causa della primavera di Praga emigrò nella lontana America divenendo uno dei più importanti registi della storia. Portare al cinema il libro di Ken Kesey intitolato Qualcuno volò sul nido del cuculo (One Flew Over the Cockoo’s Nest) era una sfida che in pochi avrebbero accettato. Nonostante il rischio fosse altissimo (la condizione e il disagio all’interno degli ospedali psichiatrici erano stati fino a quel momento un tabù per i cineasti), il mix tra intrattenimento emotivo hollywoodiano e una trama ricca di sostanza diede vita a un assoluto capolavoro.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial