L’INTERVALLO di Leonardo Di Costanzo (2012)

L-intervallo-locandina

Presentato a Venezia nella sezione Orizzonti, L’Intervallo di Leonardo Di Costanzo è la dimostrazione evidente del buono stato di salute che sta attraversando il cinema italiano (basti pensare all’elevato tasso artistico di opere recenti come Il primo uomo,  Romanzo di una strage, Diaz). Il regista ischitano, dopo un passato di documentari, esordisce con un lungometraggio di finzione mettendo in luce importanti doti registiche e narrative. La trama, solo all’apparenza semplice, prende spunto dalla quotidianità: periferia di Napoli, in un enorme edificio abbandonato, una ragazza e un ragazzo si ritrovano per motivi diversi ad essere prigionieri. Veronica (Francesca Riso), ha commesso uno sgarro al capoclan del suo quartiere. Non viene mostrato che cosa la ragazza abbia combinato. Sappiamo solo che l’hanno rinchiusa in questo luogo fatiscente senza nessun motivo specifico. Salvatore (Alessio Gallo), è un impacciato venditore ambulante di granite, costretto a fare da cane da guardia  alla coetanea.

 

 

 

Leggi tutto