BERLINALE 2014 – GIORNO 5

Aimer  boire et chanterProcede piuttosto fiaccamente, questa 64° Berlinale. Con l’eccezione di The Grand Budapest Hotel e il toccante Kreuzweg (Stations of the Cross) non si registrano picchi emozionali significativi dalle parti di Potsdamer Platz. Il ritorno dell’ultranovantenne Alain Resnais non entusiasma, ma nemmeno disturba, mentre annoia il primo dei due film cinesi in concorso. L’umorismo nero e un po’ criptico del norvegese In order of Disappearance regala invece qualche risata amarognola, ma nessun palpito cinefilo.

Leggi tutto