Barbie di Greta Gerwig, la recensione del film con Margot Robbie e Ryan Gosling

di Valeria Morini

Inutile girarci intorno: Barbie è il film più atteso, chiacchierato, popolare del 2023. E, dopo l’uscita (che in Italia non ci ha consentito di vivere il tormentone mondiale del Barbenheimer, con Oppenheimer fatto slittare nelle nostre sale al 23 agosto), anche il più divisivo. Da una parte chi plaude al film di Greta Gerwig con Margot Robbie e Ryan Gosling, un prodotto sorretto da quella che è semplicemente la più grande e sfacciata operazione di marketing degli ultimi anni, dall’altra chi critica il femminismo del film come una presa di posizione radicale e superficiale. Resta il fatto che quello della Gerwig è probabilmente l’unico film su Barbie che poteva essere fatto.

Leggi tutto

SUICIDE SQUAD di David Ayer (2016)

 

Tra i fan dei cinecomic, ma non solo, l’attesa per Suicide Squad era alle stelle, soprattutto dopo gli splendidi trailer che avevano accompagnato l’ultimo periodo. Eppure, la critica statunitense aveva già messo in allarme sul fatto che il progetto fosse un fallimento quasi totale e purtroppo avevano ragione: Suicide Squad è la delusione più cocente dell’anno o, quantomeno, la più grande occasione sprecata.

La sceneggiatura, se tale può essere chiamata, è la vera nota dolente: alcuni dei supercattivi di Gotham, su cui spiccano Harley Quinn (Margot Robbie) e Deadshot (Will Smith), sono ormai rinchiusi da tempo in carcere di massima sicurezza quando, a causa di una minaccia sovrannaturale, Amanda Waller (Viola Davis), decide di arruolarli promettendo, in cambio, di esaudire le loro richieste.

Leggi tutto

THE LEGEND OF TARZAN di David Yates (2016)

John Clayton III, Lord Greystoke (Alexander Skarsgård), si è lasciato alle spalle il proprio passato da Tarzan e vive a Londra insieme alla moglie Jane (Margot Robbie); finché un giorno, su invito di re Leopoldo II di Belgio e incoraggiato dall’americano George Washington Williams (Samuel L. Jackson), si vede costretto a far ritorno nel Congo dove è nato e cresciuto come emissario del Parlamento inglese: qui John, tornato a vestire i panni del re della giungla, dovrà vedersela con i fantasmi del proprio passato e con i malefici piani di Léon Rom (Christoph Waltz), delegato di re Leopoldo e uomo d’affari senza scrupoli che intende ridurre il Congo in schiavitù.

Con The Legend of Tarzan David Yates (regista degli ultimi quattro capitoli di Harry Potter e del prossimo Animali fantastici e dove trovarli) mette in scena l’ennesima rivisitazione, mal riuscita, del mito nato dalla penna di Edgar Rice Burroughs.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial