TALES di Rakhshan Bani-Etemad (2014)

talesAncora Iran a Venezia 71: dopo il ritorno di Mohsen Makhmalbaf, si affaccia in laguna (nel concorso ufficiale) il nuovo film di Rakhshan Bani-Etemad, conosciuta come la “First Lady” della cinematografia di Teheran (è stata infatti la prima donna a realizzare film dopo la rivoluzione khomeinista).

Tales, come il titolo lascia presumere, è un film corale diviso come una raccolta di racconti, che si dipana attraverso le storie di diversi personaggi a rappresentare uno spaccato della società iraniana contemporanea. Fil rouge che attraversa tutta la pellicola è la critica nuda e cruda alla corruzione che domina nella repubblica islamica influenzando la vita dei suoi abitanti e alla cultura profondamente maschilista di questa nazione (a dispetto del suo disperato slancio verso la modernità). In particolare, la regista si sofferma con insistenza su un aspetto poco noto al pubblico occidentale: la notevole diffusione a Teheran della tossicodipendenza nei confronti delle droghe pesanti (con conseguente dilagare dell’AIDS), che appare quasi un male endemico specchio di un malessere sociale più ampio.

Leggi tutto