PICCOLI BRIVIDI di Rob Letterman (2015)

piccoli-brividi

Negli anni Novanta, la collana di libri Piccoli brividi scritta da R.L. Stine portò il genere horror nella narrativa per ragazzi, conquistando il pubblico giovanissimo di mezzo mondo con circa 500 milioni di copie vendute e generando anche un’omonima serie televisiva. A distanza di qualche lustro, arriva questa ironica trasposizione che, anziché scegliere la strada del mero adattamento cinematografico, preferisce l’omaggio ammiccante riversando sullo schermo n mix di realtà, finzione e metanarrazione.

Zach (Dylan Minnette) è il classico adolescente sveglio ma spaesato, segnato dal recente lutto paterno e insofferente alla scelta della madre di trasferirsi in una sonnacchiosa cittadina di provincia. Per fortuna, il ragazzo trova subito un motivo d’interesse nella vicina di casa Hannah (Odeya Rush), coetanea bella e misteriosa che sembra però “prigioniera” di un padre dispotico (Jack Black). La verità sul burbero asociale sarà ben altra: l’uomo è in realtà proprio l’autore di Piccoli brividi, i cui noti racconti hanno sviluppato il disastroso “effetto collaterale” di rendere i mostri terribilmente reali.

Leggi tutto