WOODY di Robert B. Weide (2012)

Tutto quello che avreste voluto sapere su Woody Allen… ma non avete mai osato chiedere. Dopo la scorpacciata veneziana (da La nave dolce di Daniele Vicari a Bad 25 di Spike Lee) si torna a parlare di cinema documentario con Woody, omaggio al regista di Io e Annie (1977) e Zelig (1983) – questi appaiono oggi i due titoli più importanti della sua carriera – diretto da Robert B. Weide, autore più noto per il piccolo che per il grande schermo. In effetti, Woody è un progetto nato  da un’idea della rete televisiva americana PBS, che l’ha anche prodotto, prima che venisse distribuito nei cinema di diversi paesi del mondo. Più  biopic che documentario, il film segue tutta la vita di Allen, dall’infanzia ai primi ingaggi adolescenziali, come barzellettiere per comici e quotidiani, fino ai successi televisivi e, soprattutto, cinematografici. Infatti, forse non tutti sanno che, Allen è stato anche un autore del piccolo schermo, un cabarattista, un ospite di talk show, prima di esordire alla regia con Che fai, rubi? del 1966.

Leggi tutto