Da davanti a dietro la macchina da presa: intervista a Sandrine Bonnaire

sandrine-bonnaire

 

 Tra le più importanti attrici francesi degli ultimi trent’anni, Sandrine Bonnaire esordisce davanti alla macchina da presa a soli quindici anni grazie a una piccola apparizione ne Il tempo delle mele 2. La notorietà arriva già nel 1983 grazie a Maurice Pialat che la sceglie come protagonista di Ai nostri amori, grazie al quale ottiene un premio César come miglior attrice emergente. Il successo agli “Oscar francesi” si ripete nel 1985 con Senza tetto nè legge di Agnès Varda, ma questa volta il riconoscimento è nella categoria più importante. Negli anni successivi colleziona sempre più successi lavorando con i registi più importanti della scena transalpina: da Patrice Leconte a Jacques Rivette, da Bertrand Tavernier ad André Téchiné.

Leggi tutto