Rimini di Ulrich Seidl, la recensione

Rimini. La recensione del film di Ulrich Seidl

Dolceamaro, ironico, voyeuristico, disturbante: il cinema di Ulrich Seidl è così, prendere o lasciare. Il regista austriaco ha scelto una città italiana per il suo nuovo film, distribuito in Italia da Wanted dopo il passaggio al Festival di Berlino. Rimini ci mostra però una riviera romagnola assolutamente lontana dagli stereotipi vacanzieri, teatro delle vicissitudini di un cantante in declino (Michael Thomas).

Leggi tutto

Venezia 71: LA RANÇON DE LA GLOIRE di Xavier Beauvois e IN THE BASEMENT di Ulrich Seidl

LA RANÇON DE LA GLOIRE di Xavier Beauvois (2014)

LA-RANCON-DE-LA-GLOIREIl concorso della 71ª Mostra del Cinema di Venezia prosegue con il francese La rançon de la gloire di Xavier Beauvois (veterano delle manifestazioni festivaliere e vincitore di importanti premi a Cannes). Ispirato a fatti realmente accaduti nel dicembre/gennaio del 1977, il film racconta le disavventure del belga Eddy (Benoît Poelvoorde) e dell’algerino Osman (Roschdy Zem), emigrati in Svizzera; le disastrose condizioni economiche e i problemi di salute della moglie del secondo li porteranno a trafugare il cadavere di Charlie Chaplin, appena scomparso, e a chiedere un riscatto di un milione di dollari. Con prevedibili e tragicomiche conseguenze.

Leggi tutto

VENEZIA 71: IL PROGRAMMA UFFICIALE

Manifesto 71MIACGiunta al suo ottantaduesimo anno di vita, la kermesse veneziana, in programma dal 27 agosto al 6 settembre 2014, si muoverà nel solco della tradizione senza però rinunciare ad importanti aggiornamenti orientati verso un’innovazione necessaria, frutto del lavoro del direttore artistico Alberto Barbera, fedele ad una linea sobria e funzionale, seguita anche l’anno scorso, intesa «a favorire la conoscenza e la diffusione del cinema internazionale in tutte le sue forme di arte, di spettacolo e di industria, in uno spirito di libertà e di dialogo».

 Coraggiosamente improntata ad una linea moderna e anticonvenzionale la scelta del Presidente della Giuria Internazionale: a ricoprire il prestigioso ruolo sarà il prestigioso compositore francese Alexandre Desplat, dichiaratosi molto onorato di essere investito di una tale responsabilità. «Non è soltanto uno dei grandi compositori odierni di musiche da film ma un appassionato cinefilo, la cui straordinaria sensibilità artistica si somma a una profonda conoscenza del cinema, della sua storia, del suo linguaggio» (Alberto Barbera).

Sarà invece la più importante regista di Hong Kong, Ann Hui, a presiedere la Giuria Internazionale della sezione Orizzonti. La sua ultima opera, The Golden Era, sarà il film di chiusura della Mostra.

La montatrice Thelma Schoonmaker (celebre per il sodalizio con Martin Scorsese) e l’acclamato documentarista Frederick Wiseman riceveranno il Leone d’Oro alla carriera.

Sarà Birdman diretto da Alejandro Iñárritu (Amores perros, 21 grammi, Babel, Biutiful), con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Emma Stone e Naomi Watts il film d’apertura della 71.Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. L’attesissima pellicola sarà proiettata in prima mondiale, in Concorso, la sera del 27 agosto nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido, a seguire la cerimonia di apertura condotta da Luisa Ranieri.

Leggi tutto

PARADISE: HOPE di Ulrich Seidl (2013)

Paradise: Hope (2013) di Ulrich Seidl - Recensione | Quinlan.it

Non si fa mancare nulla l’austriaco Ulrich Seidl, regista che da anni divide la critica con il suo cinema crudo e provocatorio e il cui ultimo progetto è l’ambiziosa trilogia Paradise, incentrata sulle contraddizioni e lo squallore dei rapporti umani nel mondo contemporaneo: se il primo episodio, Love, era a Cannes 2012 e il secondo, Faith, ha “scandalizzato” l’ultima Mostra di Venezia, tocca alla 63^ edizione della Berlinale ospitare il capitolo conclusivo, Hope. C’è un sottile fil rouge narrativo che lega i tre episodi: il personaggio al centro di questo film, Melanie, è rispettivamente figlia e nipote delle protagoniste delle pellicole precedenti. Ancora un ritratto femminile, dunque: quello di una tredicenne dolce e ingenua, colta nel momento di passaggio all’età adolescenziale e ai primi turbamenti amorosi. 

Leggi tutto

PARADIES: GLAUBE (PARADISE: FAITH) di Ulrich Seidl (2012)

Secondo capitolo di una trilogia iniziata con Paradise: Love, in cui una tematica bassa come il turismo sessuale incrocia un discorso ben più elevato sulla labilità della fede religiosa, Paradise: Faith è il titolo con cui il regista Ulrich Seidl si presenta in concorso alla 69° Mostra del cinema di Venezia.

Mio Signore, molti sono ossessionati dal sesso, liberali da questo desiderio carnale”. E’ la preghiera che la protagonista Anna Maria sussurra in apertura, prima di flagellarsi in segno di espiazione dei peccati di tutti coloro che cedono alle tentazioni del Male, lei compresa. Sì, perché nei confronti di Gesù ad una venerazione spirituale ed eterea accompagna un desiderio sessuale reso ancora più morboso da una costante repressione, che viene meno soltanto nella discussa (e discutibile) scena dell’amplesso simulato con un crocefisso.

Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial