SPRING BREAKERS di Harmony Korine (2012)

Spring Breakers - Una vacanza da sballo (2012) | MUBI

Alla Mostra di Venezia 2012, le fan urlanti di Selena Gomez e Vanessa Hudgens avevano riempito l’intero Lido: le giovani, arrivate da tutta Italia, non sapevano però che un folle regista americano di nome Harmony Korine aveva appena distrutto irrimediabilmente l’immagine delle loro beniamine. In Spring Breakers tutto ciò che conoscevamo su queste brave ragazze americane crolla come un castello di carte sotto gli scossoni divertiti del regista. Il film è interpretato da James Franco e dalle quattro star Selena Gomez, Ashley Benson, Vanessa Hudgens e Rachel Korine (moglie di Harmony).

L’unico rimedio contro la noia dell’università è una bella vacanza in primavera. Dopo aver rapinato un bar (per rimediare i soldi necessari all’allegra gita), le protagoniste raggiungono la Florida e le sue feste scatenate a base di alcol, sesso e droga. Finite in prigione per il troppo sballo, verranno liberate da un sedicente rapper di nome Alien (Franco) che le farà sprofondare nel suo pericoloso mondo fatto di spaccio e violenza.

Leggi tutto

SPRING BREAKERS di Harmony Korine (2012)

 Le fan urlanti di Selena Gomez e Vanessa Hudgens hanno stravolto il Lido indaffarato nel seguire i film, le conferenze stampa e i red carpet. Le giovani, arrivate da tutta Italia, non sapevano però che un folle regista americano di nome Harmony Korine aveva appena distrutto irrimediabilmente l’immagine delle loro beniamine. In Spring Breakers, presentato in concorso alla 69a Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, tutto ciò che conoscevamo su queste brave ragazze americane crolla come un castello di carte sotto gli scossoni divertiti del regista. Il film è interpretato da James Franco e dalle quattro star Selena Gomez, Ashley Benson, Vanessa Hudgens e Rachel Korine (moglie di Harmony).

L’unico rimedio contro la noia dell’università è una bella vacanza in primavera. Dopo aver rapinato un bar (per rimediare i soldi necessari all’allegra gita), le protagoniste raggiungono la Florida e le sue feste scatenate a base di alcol, sesso e droga. Finite in prigione per il troppo sballo, verranno liberate da un sedicente rapper di nome Alien (Franco) che le farà sprofondare nel suo pericoloso mondo fatto di spaccio e violenza.

 

 

Leggi tutto

TO THE WONDER di Terrence Malick (2012)

L’amore ci rende uno. Due. Uno.

In questa frase può essere racchiuso il significato di To the Wonder, ultima opera di Terrence Malick presentata in concorso alla Sessantanovesima Mostra del Cinema di Venezia. E’ infatti l’amore ad essere protagonista assoluto: l’amore vissuto, consumato, sfiorito, rincorso, tra un uomo (Ben Affleck) e una donna (Olga Kurylenko).

 

Leggi tutto

BAIT (SHARK 3D) di Kimble Randall (2012)

baitChiamarlo Lo Squalo sarebbe stato un atto per cui chiedere perdono a Spielberg…

A volte succede di imbattersi in film che sono al limite del ridicolo, e talvolta il peggio è che le intenzioni non sono affatto comiche. Bait 3D, che in Italia arriverà con il titolo Shark 3D, appartiene a questa schiera, anche se forse meriterebbe di far parte di una categoria ancora più bassa, dato che lo stile e il ritmo ricordano Frozen, non certo un paragone alto.

Su una spiaggia esotica, Josh e la sua ragazza stanno godendosi gli ultimi attimi di sole e di mare, quando improvvisamente un enorme squalo bianco attacca in mezzo all’oceano, uccidendo il fratello della ragazza, che al momento si trovava in mare a sistemare una boa. Dopo 12 anni, il pericolo ricompare, dopo uno tsunami, all’interno di un centro commerciale…

 

 

Leggi tutto

STORIES WE TELL di Sarah Polley (2012)

La nutrita sezione documentaristica di Venezia 69 ha tanti titoli in serbo per il pubblico. Tra l’esordio con Enzo Avitabile Music Life, ritratto del versatile polistrumentista partenopeo ad opera di Jonathan Demme e Bad 25, in cui Spike Lee ci racconterà la sua visione del re del pop, Michael Jackson, si colloca l’album di famiglia di Sarah Polley, regista canadese conosciuta soprattutto per il delicato Away from her.

Attraverso un intreccio piuttosto pasticciato di interviste, filmati di famiglia veri e ricostruiti e riprese della registrazione di una voce narrante interna alle vicende, la Polley vuole presentare l’altrettanto intricata epopea biografica che, partendo dalle eclettiche gesta della madre Diane, bionda ed eccentrica aspirante attrice teatrale, arriverà fino alla scoperta del padre biologico, avvenuta a ventotto anni. Leggi tutto

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial