TRE CUORI di Benoît Jacquot (2014)

locandina-3-cuoriDopo il passaggio in concorso alla 71esima edizione del Festival del cinema di Venezia, arriva in sala Tre cuori del francese Benoît Jacquot: un cast di tutto rispetto (Charlotte Gainsbourg, Chiara Mastroianni,Catherine Deneuve) non riesce a risollevare le sorti di un film scialbo e insensato. La vicenda ruota intorno alle peripezie sentimentali di Marc (Benoît Poelvoorde), che si innamora di Sylvie (Charlotte Gainsbourg) ma sposa la di lei sorella Sophie (Chiara Mastroianni); la nascita di un figlio non impedirà un inopportuno ritorno di fiamma.

Jacquot vorrebbe riflettere sulla forza dei sentimenti, le contraddizioni familiari e la casualità dell’esistenza, ma riesce solo ad annoiare e a risultare involontariamente comico (non mancano sequenze demenziali: è il caso del risibile prefinale), collezionando incongruenze e sfruttando maldestramente le potenzialità degli interpreti. Una sceneggiatura monocorde, incentrata sulla grigia quotidianità di un uomo fondamentalmente infelice (centro assoluto della narrazione, a scapito di ciò che avrebbe potuto rivelarsi ben più interessante, ovvero una serrata analisi della figura femminile che si sovrappone e si sdoppia) colloca il film nel piattume più assoluto. Nessun guizzo, nessuno scarto e, soprattutto, nessuna emozione: il che, per un film sentimentale, è abbastanza grave. Poelvoorde, già visto in La rançon de la gloire (anch’esso passato al Festival veneziano) di Xavier Beauvois, è spaesato in un ruolo poco adatto alla sua mimica comica, Chiara Mastrianni è lagnosa, legnosa e monocorde, Catherine Deneuve si impegna ben poco. L’unica a salvarsi è Charlotte Gainsbourg.

Voto: 1/4