L’UOMO DELLA PIOGGIA di Francis Ford Coppola (1997)

1uomo-della-pioggiaDomenica 09/02/14, ore 21.15, RAI MOVIE

 

«Ogni avvocato, almeno una volta in ogni causa, sente di superare una linea che non intende veramente superare, capita; se lo fai parecchie volte la linea sparisce per sempre e poi sei solo un’altra barzelletta sugli avvocati, un altro pescecane nell’acqua sporca».

Basato sull’omonimo best seller di John Grisham e prodotto, tra gli altri, da Michael Douglas, L’uomo della pioggia è il ventesimo lungometraggio di Francis Ford Coppola, autore anche della sceneggiatura. Neolaureato in legge, giovane ed intraprendente, ingaggia una durissima battaglia legale contro una compagnia di assicurazioni che non vuole riconoscere alcuna indennità per le cure ad un malato terminale di leucemia. Sfrondando la corposa materia letteraria da cui il film è tratto, Coppola mette in scena un solido legal-thriller che supera i limiti del dramma giudiziario e si distingue dai tanti altri film dello stesso filone per ricchezza tematica, lucidità di sguardo nel vivisezionare l’istituzione familiare tipicamente americana, gusto per il dettaglio nella suggestiva ambientazione nei sobborgi di Memphis. Padroneggiando con consumata esperienza gli stilemi del genere, il grande cineasta di Detroit prosegue la suo discorso sugli esclusi, su coloro che sono destinati ad uscire sconfitti dalla vita ma cercano con dignità una possibile forma di riscatto. Matt Damon perfetto come avvocato idealista ma allo stesso tempo profondamente ancorato alla realtà, e memorabile Danny DeVito, a cui sono riservate le stoccate più ciniche e corrosive nei confronti delle istituzioni pubbliche a stelle e strisce. Nel cast anche Jon Voight, Danny Glover, Mickey Rourke, Roy Scheider e Dean Stockwell.

Avvincente.